Passa ai contenuti principali

Il mitico continente dei monti

E' chiaro che penso che  la scrittura bubba ha i suoi pregi nel non poter essere capita automaticamente, non essere ricercabile perché comunque i [NOMI] non ci sono e tutto.

Ma non avevo considerato che scrivere cercando di riferirsi solo a quello che è nella testa del lettore, ma senza che sia scritto dalla penna dello scrittore, è un importantissimo coso di business e che viene già usato.

Stavo mirando alle condizioni di una poliza assicurativa, credo di essere l'unico perlomeno nel diametro di 1 milione di km a farlo ma è che mi è già servito e ho delle mutande comprate con l'assicurazione che melo ricordano.

Le condizioni sono scritte ma non in corpo bubbenron 0.2pt (che col computer poi non cè) ma in una pseudolingua da pessima traduzione. Però credo che l'originale, se esiste, è una lingua il cui suono risuonò l'ultima volta pochi secondi prima che un vulcano preistorico lo sovrastasse con il suo rombo cupo e carico di vapori di zolfo che si persero nell'aria ancora irrespirabile, per i moderni, che cera per i preistorici. Viceversa la copia non disponibile in nessuna lingua conosciuta modernamente. Ma non in senso che non cè proprio (che sarebbe illegale, forse, comunque si applicano le leggi del foro di una nazione che non so se hanno leggi scritte e valide erga pauperus), ma che sarebbe in una lingua che il lettore lo forza a dargli un senso che, illetteralmente, non cè.

Magna lengua quod sensum soli menti bubbus capacita!

Così le frasi, se uno le dovesse usare davvero, non hanno senso. Ma uno crede di capirle e gli assegna fortis mentis un significato che però manca, come ti spiegherà la sempre accessibile mail di assistenza automatica in caso di necessità.

Così come il futuro della lingua universale sono i disegnini senza parole, buoni per l'analfabetismo dei laureati contemporanei, il fututro dell'azzeccagarbugli sono traduzioni automatiche a garanzia di non avere un senso logico.

E tanti saluti al "continente occidentale dei Monti Urali".

Troppo bubbo!

Commenti

Post popolari in questo blog

Il punto 4

Uno potrebbe opinare che la dichiarazione ma non la legge nessuno e effettivamente le prime frasi sono tali da scoraggiare qualsiasi ipotesi di proseguire a perdere tempo.

Mami pare bello che in un testo che ha lo scopo preciso di non dire nulla e quindi di piacere a qualsiasi politicante, vicino o lontato chessia dalle lezioni, ecco in un testo così hanno avuto la pazienza di alabare l'industria bellica, di augurarsi nuovi conflitti con morti altrui e di sognare che un giorno anche i partiti di "sinistra" possano essere pacifisti perché tutta la spesa di guerra  "è decisa dall'Europ*, non da noi".

Insomma nel male di un testo spazzatura ecco che sorge il bene di una pappatoria politica ed economica ma di livello europ*. Certo qualcuno ci mette di morti, ma questo è solo un limite alla lungimiranza non un crimine che qualcuno si sia dato pena di condannare o, almeno, di mirare.

E così il blabla contro questa istanza di europ* resta alle lagnanze precedenti …

Cercasi?

Tutti i periodici cè quello della lettera per riprendersi la sovranità dei bevitori di thè.
Però non trovo quanto pagano le spie e come.

Infatti è ovvio che, come si usa tra nazioni ed enti democratici, sarebbe assurdo andare a una trattativa senza avere comprato delle spie. E' vero che sono abbastanza bubbi da scrivere tutti i trattati (e quanti ne scrivono!) coi piedi, senza prevedere bene che se uno si ficca in una cosa ma che non può uscire è e sarà pericolosissimo, però non prenderei neppure in considerazione di trattare senza l'illusione di avere delle informazioni extra.

Ma non riportano i prezzi e se li pagano ma coi soldi o passaporti o cosa.
Però di una cosa si può essere certi: le spie vorrano essere pagate come ma per tirarsi fuori dagli enti che trattano, certi che loro che possono scegliere non vogliono essere sudditi di simili strutture.

Troppo bubbo!
- Leggere bubbo rende bubbo, anzi troppo bubbo - 

P.S.: Bubboni è ovviamente disponibile a sostenere le trattative…

In stile

Ho cambiato lo stile ma in modo più bubbo.
Ora ogni parola sembra chissàcchè, più grande, più vuota, circondata da più spazio ma colorato.

Insomma lo stile ma contemporaneo.

Troppo bubbo!
- Leggere bubbo rende bubbo, anzi troppo bubbo -