Passa ai contenuti principali

Minima bubbitatis

Non riesco a non stupirmi di quanto sia bubbo il mondo e di come io, che ne indago la bubbità, mi resto sempre corto nel contemplarla e nella puntarmela.

Mene segno due che poi non si esplica perché uno ride dassolo ma come fai a dirlo di quanto è bubbo?

1) Un collega mi dice che uno ha chiesto un ricambio per uno istrumento scientifico che gli aveva venduto. Il tale, che evidentemente non è di cultura in sopravvanzo, aveva rotto un diavoletto di cartesio perché, nella sua opinione, non funzionava. Manonè bubbo che a) uno venda e curi la manutenzione, ma di professione, i diavoletti di cartesio b) uno sia così bubbo che non li sa far funzionare?

2) Sono andato a che cantavano. Andesso non vorrei sembrare che sono multirazzista, disinclusivo o ugualmente abile, ma era un coro davvero strano. Erano tutti piccoli di statura. Erano tanti ma tuttitutti piccoli. Mavassapere quello dei cori come li fanno.
Comunque cantavano in tante lingue, quella dei formaggi, dei wusterl, dei bevitori di thé o dei mangiatori di caviale e relativi istrioni. E sopra comparivano come delle scritte ma con il testo nella lingua delle pizze che cantavano. E fin qui, a parte che erano tutti piccoli, non ci sarebbe niente di strano.
Poi attaccano un canto in bubbonianis latinum e cosa compare sopra? Il testo ma in bubbonianis latinum!

E poi uno si chiede se questo mondo è ma
¿Troppo bubbo?

Commenti

.mau. ha detto…
Ma si sa che il bubbonianis latinum è lingua universalis!
Bubbo Bubboni ha detto…
Sìsì, universalitatis mundi!

E tutti sene vogliono dare vanto e fare lustro anche perché rende intelligentissimi tutti i bubbi e li sorregge nel loro comprendere il mondo.

Non cè bubbo che non metta qualche parola di latinum, sed lex!
Anonimo ha detto…
vero se vuoi essere bubbo metti qualche parola latinorum e subito sei intelligente! E poi tu la scritta la capisci subito no?
Bubbo Bubboni ha detto…
Certo caro Anonimo, sono intelligentissimo e bubbissimo e così capisco subito cosa vuol dire ma sottosotto.

Post popolari in questo blog

Il punto 4

Uno potrebbe opinare che la dichiarazione ma non la legge nessuno e effettivamente le prime frasi sono tali da scoraggiare qualsiasi ipotesi di proseguire a perdere tempo.

Mami pare bello che in un testo che ha lo scopo preciso di non dire nulla e quindi di piacere a qualsiasi politicante, vicino o lontato chessia dalle lezioni, ecco in un testo così hanno avuto la pazienza di alabare l'industria bellica, di augurarsi nuovi conflitti con morti altrui e di sognare che un giorno anche i partiti di "sinistra" possano essere pacifisti perché tutta la spesa di guerra  "è decisa dall'Europ*, non da noi".

Insomma nel male di un testo spazzatura ecco che sorge il bene di una pappatoria politica ed economica ma di livello europ*. Certo qualcuno ci mette di morti, ma questo è solo un limite alla lungimiranza non un crimine che qualcuno si sia dato pena di condannare o, almeno, di mirare.

E così il blabla contro questa istanza di europ* resta alle lagnanze precedenti …

Cercasi?

Tutti i periodici cè quello della lettera per riprendersi la sovranità dei bevitori di thè.
Però non trovo quanto pagano le spie e come.

Infatti è ovvio che, come si usa tra nazioni ed enti democratici, sarebbe assurdo andare a una trattativa senza avere comprato delle spie. E' vero che sono abbastanza bubbi da scrivere tutti i trattati (e quanti ne scrivono!) coi piedi, senza prevedere bene che se uno si ficca in una cosa ma che non può uscire è e sarà pericolosissimo, però non prenderei neppure in considerazione di trattare senza l'illusione di avere delle informazioni extra.

Ma non riportano i prezzi e se li pagano ma coi soldi o passaporti o cosa.
Però di una cosa si può essere certi: le spie vorrano essere pagate come ma per tirarsi fuori dagli enti che trattano, certi che loro che possono scegliere non vogliono essere sudditi di simili strutture.

Troppo bubbo!
- Leggere bubbo rende bubbo, anzi troppo bubbo - 

P.S.: Bubboni è ovviamente disponibile a sostenere le trattative…

In stile

Ho cambiato lo stile ma in modo più bubbo.
Ora ogni parola sembra chissàcchè, più grande, più vuota, circondata da più spazio ma colorato.

Insomma lo stile ma contemporaneo.

Troppo bubbo!
- Leggere bubbo rende bubbo, anzi troppo bubbo -