Passa ai contenuti principali

Bubberie approvate

Un governo bubbo, noto per l'amore per la censura e la protezione forzata dei bubbini da se stessi (quando i bubbini vorrebbero essere protetti dal medesimo governo bubbo), si prepara per imporre la registrazione dei blog e dei siti inquanto dannosi per la lobby dei media & dei pennivendoli.

Forse è la prima misura pro-Internet presa da codesto governo!

Se qualche bubbino non usa Internet per delocalizzarsi al di fuori dello stato bubbo va punito per limitatezza tecnico-telecomunicazionista, così come si appresta a fare quel governo.

E' un po' come se uno volesse vendere alcolici in una nazione dove non si può. Basta emigrare dato che non si può cambiare governo quando vige il maggioritario, la monarchia o la democratura.

La storia di quel paese è basata sull'emigrazione e sui relativi soldi spediti in patria, non certo sul rispetto dei diritti civili o sulla libertà di espressione. E' una giovane democratura, storicamente più vicina al manganello e all'olio di ricino che all'idea che la democrazia:
1) si basa anche sulla tolleranza di idee diverse dalle proprie (ammesso di averne);
2) si basa su una certa fiducia riconosciuta ai bubbini (che non sono necessariamente tutti stronz* pallonari).

Si può forse condannare chi si basa sulla propria historia e vuole esiliare almeno le idee se non le persone? Ovviamente no.

Troppo bubbo!

P.S.: Questo blog non so in che nazione si trova (ho scelto di metterlo proprio su un sito .com perché temevo già la legge bubba) ed è già censurato bubbamente. Però non so se dovrò scrivere in qualche altra lingua per non incorrere nelle ire del governo bubbo. Intanto scrivo bubbamente, con un sacco di errori. Poi vedremo se passare all'ingles o all'espagnol. Mi preoccupa che questa lingua sia usata in poche nazioni e quindi il governo bubbo possa ritenere che una solenne bubberia scritta qui sia in qualche misura di sua fascio-censuratrice competenza.

Commenti

Post popolari in questo blog

Il punto 4

Uno potrebbe opinare che la dichiarazione ma non la legge nessuno e effettivamente le prime frasi sono tali da scoraggiare qualsiasi ipotesi di proseguire a perdere tempo.

Mami pare bello che in un testo che ha lo scopo preciso di non dire nulla e quindi di piacere a qualsiasi politicante, vicino o lontato chessia dalle lezioni, ecco in un testo così hanno avuto la pazienza di alabare l'industria bellica, di augurarsi nuovi conflitti con morti altrui e di sognare che un giorno anche i partiti di "sinistra" possano essere pacifisti perché tutta la spesa di guerra  "è decisa dall'Europ*, non da noi".

Insomma nel male di un testo spazzatura ecco che sorge il bene di una pappatoria politica ed economica ma di livello europ*. Certo qualcuno ci mette di morti, ma questo è solo un limite alla lungimiranza non un crimine che qualcuno si sia dato pena di condannare o, almeno, di mirare.

E così il blabla contro questa istanza di europ* resta alle lagnanze precedenti …

Cercasi?

Tutti i periodici cè quello della lettera per riprendersi la sovranità dei bevitori di thè.
Però non trovo quanto pagano le spie e come.

Infatti è ovvio che, come si usa tra nazioni ed enti democratici, sarebbe assurdo andare a una trattativa senza avere comprato delle spie. E' vero che sono abbastanza bubbi da scrivere tutti i trattati (e quanti ne scrivono!) coi piedi, senza prevedere bene che se uno si ficca in una cosa ma che non può uscire è e sarà pericolosissimo, però non prenderei neppure in considerazione di trattare senza l'illusione di avere delle informazioni extra.

Ma non riportano i prezzi e se li pagano ma coi soldi o passaporti o cosa.
Però di una cosa si può essere certi: le spie vorrano essere pagate come ma per tirarsi fuori dagli enti che trattano, certi che loro che possono scegliere non vogliono essere sudditi di simili strutture.

Troppo bubbo!
- Leggere bubbo rende bubbo, anzi troppo bubbo - 

P.S.: Bubboni è ovviamente disponibile a sostenere le trattative…

In stile

Ho cambiato lo stile ma in modo più bubbo.
Ora ogni parola sembra chissàcchè, più grande, più vuota, circondata da più spazio ma colorato.

Insomma lo stile ma contemporaneo.

Troppo bubbo!
- Leggere bubbo rende bubbo, anzi troppo bubbo -