Passa ai contenuti principali

Almeno un mail

Caro [NOME],

mi spiace non poterti scrivere per dire che finalmente sono riuscito a fare una piccola donazione come ringraziamento per qualche ricerca fatta bene, per gli ottimi libri anti-complotto che metti a disposizione gratuitamente o per qualche link al tuo sito che ho rigirato a chi mi chiedeva se era vero che se nessuno compra la benzina in una certa catena il prezzo scende.

Viceversa ti scrivo, dandoti del tu perchè dopo tanti anni mi pare ti conoscerti almeno un po', perché se un giorno le tue mail private fossero diffuse integralmente in rete sarebbe davvero triste se nel mucchio non ci fosse almeno una mail come questa.

Voglio esprimere il mio fermo disprezzo per tua la scelta di concorrere in un reato odioso quale è quello di diffondere le mail private di alcune persone, "ree" di aver osato fare politica in una certa organizzazione e "colpevoli" di essere state democraticamente elette al Parlamento.

Capisco che il Partito possa essere grato, soprattutto ora che tutto può concorrere a non farlo sparire e che è palese che ogni blog di rilievo può dare una mano, ma nulla giustifica simili comportamenti.

Non spero in qualche banale filtro DNS, che resta sempre una blanda forma di censura, o che si possa tener "nascosto" un link ma spero e credo che un giorno il disprezzo sociale per chi commette questi reati, e per chi concorre a commetterli, renda tutti più liberi e più capaci di usare ogni tecnologia per migliorare almeno un po' il mondo in cui si vive.

Bubbamente,
Bubbo Bubboni

Commenti

.mau. ha detto…
ma sei così sicuro che c'entri il Partito? Questo significherebbe che nel Partito c'è gente che è capace a fare cose simili.
Bubbo Bubboni ha detto…
No, affatto. Non intendo dire che il Partito fa o commissiona ma:
- che sguazza allegro nelle situazioni che si creano;
- che non ha nessuna remora a lanciare una campagna di odio contro il nemico di turno (dopo tutto una volta anche il Berlusca era un nemico), senza nessun seppur vago riferimento all'ideologia democratica;
- che la situazione è critica e tutto serve, anche un link e una battura ironica su uno di principali blog. Non accuso nessuno di "comprarla" preventivamente ma queste cose sono senza dubbio "pagate" prima o poi;
- ironia, falsità, mezze verità ed errori logici sono caratteristici di questa fase della comunicazione da parte degli amici del partito. Che però si guardano bene dal minimo accenno a delle grosse e clamorose alterazioni della democrazia pizzaiola. Non credo per assuefazione, quanto perché anche solo non applaudire abbastanza forte è già rilevato, ricordato e opportunamente sanzionato.

Insomma nessun complotto segreto e nessun ufficio "hacker" del Partito, ma tanta confusione sui valori davvero importanti e sulla necessità di difenderli anche quando l'attacco riguarda qualcuno che non ricambierà benevolo e bubbo.
Bubbo Bubboni ha detto…
Miravo che sono passati più di cento anni da quando Evelyn Beatrice Hall fece dire a Voltaire «I disapprove of what you say, but I will defend to the death your right to say it.» e questa frase ancora non ha trovato senso proprio tra chi è perennemente rivolto al passato.

Ci vuole proprio un po' di EFF per ritorvare un minimo di chiarezza di pensiero sulle libertà digitali e sulla necessità di tutelare le comunicazioni private.

Davvero incredibile che i grossi del web pizzaiolo si siano ridotti così.

Post popolari in questo blog

Il punto 4

Uno potrebbe opinare che la dichiarazione ma non la legge nessuno e effettivamente le prime frasi sono tali da scoraggiare qualsiasi ipotesi di proseguire a perdere tempo.

Mami pare bello che in un testo che ha lo scopo preciso di non dire nulla e quindi di piacere a qualsiasi politicante, vicino o lontato chessia dalle lezioni, ecco in un testo così hanno avuto la pazienza di alabare l'industria bellica, di augurarsi nuovi conflitti con morti altrui e di sognare che un giorno anche i partiti di "sinistra" possano essere pacifisti perché tutta la spesa di guerra  "è decisa dall'Europ*, non da noi".

Insomma nel male di un testo spazzatura ecco che sorge il bene di una pappatoria politica ed economica ma di livello europ*. Certo qualcuno ci mette di morti, ma questo è solo un limite alla lungimiranza non un crimine che qualcuno si sia dato pena di condannare o, almeno, di mirare.

E così il blabla contro questa istanza di europ* resta alle lagnanze precedenti …

Cercasi?

Tutti i periodici cè quello della lettera per riprendersi la sovranità dei bevitori di thè.
Però non trovo quanto pagano le spie e come.

Infatti è ovvio che, come si usa tra nazioni ed enti democratici, sarebbe assurdo andare a una trattativa senza avere comprato delle spie. E' vero che sono abbastanza bubbi da scrivere tutti i trattati (e quanti ne scrivono!) coi piedi, senza prevedere bene che se uno si ficca in una cosa ma che non può uscire è e sarà pericolosissimo, però non prenderei neppure in considerazione di trattare senza l'illusione di avere delle informazioni extra.

Ma non riportano i prezzi e se li pagano ma coi soldi o passaporti o cosa.
Però di una cosa si può essere certi: le spie vorrano essere pagate come ma per tirarsi fuori dagli enti che trattano, certi che loro che possono scegliere non vogliono essere sudditi di simili strutture.

Troppo bubbo!
- Leggere bubbo rende bubbo, anzi troppo bubbo - 

P.S.: Bubboni è ovviamente disponibile a sostenere le trattative…

In stile

Ho cambiato lo stile ma in modo più bubbo.
Ora ogni parola sembra chissàcchè, più grande, più vuota, circondata da più spazio ma colorato.

Insomma lo stile ma contemporaneo.

Troppo bubbo!
- Leggere bubbo rende bubbo, anzi troppo bubbo -