14 giugno 2022

Meccanica armonia

Evvero che per ogni cosa fatta male cenè una equivalente fatta bene, ad esempio per un ministro della salute stragista cè un grande commerciale ma dei funerali funebri.

Però opinavo che il grande Bubboni fosse una pippa in robo-meccanica e il fatto che fosse un grande della produzione di iscarti ferrosi era di poca elevazione.

E invece, ancora una volta, ho colto la grandezza del Bubboni proprio nel campo robo-meccanico, senza coinvolgere altri verticals.

Era solo che si trattava di progettare pinze per quelle macchinette che il bubbo mette le monete eppoi cerca di pinzare un, chessò, bubbino di pezza, e invece quasi sempre gli casca.

Così ancora una volta resta provato che se uno fa male qualcosa essolo perché non si è capito cosa dovrebbe fare al posto chelo farebbe ma bene.

Troppo bubbo!
- Leggere bubbo rende bubbo, anzi troppo bubbo -

11 maggio 2022

Quello involontario
Capisco bene il punto di vista della nota società di consulenza che non ammette discussioni e alternative.
Capisco anche i ordini del noto assassino e accecatore a capo dei formaggi a cui tutti i europe* sono tenuti ad ubbidire.

Ma quando gente comune dice che
"Finalmente senza mascherina torniamo a respirare!"
"Finalmente si può andare ai concerti e ballare tutti ammassati, si torna a vivere!"
"Chi continua con la mascherina ha le idee confuse, non è più obbligatoria!"

mi chiedo se non si tratti di umorismo macabro-involontario verso quelli con il casco ad ossigeno, il migliaio di morti alla settimana (tra le pizze) e chi è caduto nel labirinto del long-covid.

Troppo bubbo!
- Leggere bubbo rende bubbo, anzi troppo bubbo - 

 

11 aprile 2022

Mano allo scolapasta!

Ci sono state polemiche perché questo blog non ha prontamente issato la bandiera, ripudiato i nemici del momento (chennonè cheppoi fossero amici in precedenza) e sostenuto la quivi presente eroica guerra di pace.

Ma adesso che più della metà inizia ad essere seriamente annoiato dei massacri periodici e dei video, nonostante la noia non sia arrivata ancora a produrre dei bei meme anche per via delle sanzioni per i debosciati anti-interventisti cheli proibiscono, è inevitabile un acuto commentario del Bubboni.

1) Le emergenze per cause artificiali non esistono. La qui presente guerra improvvisa ha richiesto anni di paziente preparazione. Quindi chi dice "ma cosa si può fare ora?", sottointendendo che bisogna mandare armi, o ha trascorso gli ultimi decenni in un armadio al riparo dalla geopolitica oppure non ha capito quanto impegno e sforzo è stato necessario per arrivare ad avere una guerra improvvisa.

2) chi vende guerre vende guerre lampo. chi compra guerre compra USA-Vietnam (20 anni), USA-Afganistán (20 anni anch'essa), e simili.

3) chi avvia una guerra, quasi sempre, usa le strategie della guerra prima. Questa è basata sulla Cecenia, quando non cera zoom. Temo che le prossime saranno tutte caratterizzate da un [aggettivo] che chiede uno sconto sulle armi via zoom e uno che mette i meme e le pernacchie per prenderlo in giro e non far arrivare ulteriori armi ma a lui.

4) i civili, cioè soggetti estranei alla guerra su un dato territorio, non esistono. Le persone sono uno strumento bellico che ha lo scopo di certificare la proprietà di una zona, esattamente come i carroarmatini nei giochi da tavolo. Se in una zona non ci sono civili grossomodo vivi, quella zona è considerata "da assegnare" e non conterà nelle trattative che, secondo il regolamento, chiudono il simpatico gioco.

5) siccome lo strumento bellico chiamato "civili" è utile per chi vuole un territorio, questi non devono essere messi in salvo all'inizio della guerra ma devono (a mano armata o bloccando i trasporti o cercando di cavarsela con la propaganda) restare dove il loro proprietario ne ha bisogno, in vista della fine del gioco.

6) la guerra nonnè come il giudizio finale di taluni dei, che avviene secondo giustizia. Non muoino i cattivi furbetti della mascherina falso-invalidi e si salvano i pensionati poveri ma dignitosi. E' il trionfo del militarismo, cioè della corruzione, del caos, della stupidità, della disumanità e della violenza. Ed è, ovviamente, quello che fa felice qualsiasi governante democratic* perché è un magna-magna colossale e automaticamente segreto e non punibile. Tuttosommato, per i governi, è pure meglio della gestione del covid.

7) una caratteristica schifosa di questa ispecifica guerra è che serve come mito fondante dell'esercito europe*. In una zona devastata dal neoliberismo, dalla gestione del covid, con il crollo della sanità accessibile, con una massa di long-covid che fa impressione e che non sarà nemanco diagnosticata, trasformare la spesa bellica in una buocrazia senza testa è semplicemente terribile. E questo mostro di guerra nasce da una guerra, così come tipicamente i mostri nascono dalle fogne.

8) da notare che l'accoglienza agli eroici disertori di ambo i bandi non è stato messa in nessuna legge delle nazioni democratich*. L'invio di armi è diventato una pratica di pace e giustizia (invio ai nuovi amici, a quelli che ora sono nemici era già stato fatto in abbondanza quando erano amici).

 9) molto dello sforzo propagandistico e repressivo già fatto per gestire il covid nel modo più stragista possibile viene ora riciclato per un secondo obiettivo. E' un grandissimo risparmio e una prova che la democrazi* può essere utile per reprimere cose diverse sempre con la stessa efficacia politica e culturale.

Così è sempre bubbo mirare come dal male (un po' di mafia, un voto ogni tanto, una spesa bellica sempre crescente) può nascere il bene (grossa mafia, niente voti inutili, spesa bellica lietamente esplosa ma senza schegge disperse, nessun intellettuale pensante non allineato, chiarezza della comunicazione allo scopo di igienizzare il dibattito da eventuali debosciati residui che non sono più democraticament* tollerabili).

Quindi tutti: scolapasta, bandierina, cantare forte e chiaro e leggere bene i messaggi per sapere chi è il nemico del momento.

Troppo bubbo!
- Leggere bubbo rende bubbo, anzi troppo bubbo -

15 febbraio 2022

Il bello di quando finisce dinuovo

- Nelle pizze ci sono un 2500 morti a settimana, traccui medici e infermieri

- La massa dei poveri è sempre più grande e diffusa, i consumi interni sono animati solo dall'inflazione, qualsiasi indicatore lavorale si prenda è tutto peggio

- Tutti i indicatori economici sono a picco, anche se le tasse sono alte ma quelle sulle manifestazioni di ricchezza rendono sempre meno

ma

- Quello delle pensioni risparmia miliardi grazie ai morti ammazzati e a un cavillino per cui anche se la isperanza di vita si riduce le pensioni non si anticipano

- Il governo cerca in tutti i modi di diffondere i contagi, tra cui non fare ricerche e statistiche di quello del long-covid e sulla situazione dei pampini, facilitare i ammassamenti più inutili, evitare i vaccini a chili chiede, importare infetti, evitare leggi sull'aria fresca e per la miglioria dei trasporti.

E' quindi bello mirare come il governo pizzaiolo sia gaio e lieto. Come anche nel male, tuttavia si può fare la tradizionale propaganda che è tutto finito e cè la solita recuperazione, ostacolata solo dagli antipassisiti, furbetti, pregressi e nemici della settimana chepperò non prevaranno nei loro loschi piani antipatriottici.

Credo che tutti i morti quotidiani dovrebbero essere grati di questo ennesimo finale, che una volta il finale arrivava sui 10 morti al giorno, mentre ora a 350 al giorno cè comunque e dà allegria a tutti.

Troppo bubbo!
- Leggere bubbo rende bubbo, anzi troppo bubbo -

14 febbraio 2022

Il buon combattente

La posizione del combattente approvato dalla propaganda non è scontata e mela appunto.

Il combattente democratico delle forze del bene non vuole la guerra, ma non può escludere che il nemico folle/feroce (e forse anche no-vax e furbetto della mascherina) la voglia e che, esso criminale, la inizi.

Certo che sono tempi duri per chi patisce la propaganda. Non solo è nuovamente finito quello del covid, e già è una bella rogna perché nei primi anni cada finale è più strombazzato cheppoi negli anni successivi, maccè pure da contenere la furia conquistatoria dell'ennesimo nemico del momento!

Menomale che almeno il crescimento conomico, lambiente e le qua distribuzione delle ricchezze sono temporaneamente sospese, altrimenti anche loro sarebbero pesate.

Troppo bubbo!
- Leggere bubbo rende bubbo, anzi troppo bubbo -

10 febbraio 2022

Quando si cucina la storia

Quello di confondere la Gestapo con il gazpacho merita di essere severamente punito.

Io la manderei in un freddo goulash a studiare storia e astronomia, ma una materia alla volta!

Troppo bubbo!
- Leggere bubbo rende bubbo, anzi troppo bubbo -

29 gennaio 2022

Pace e gioia! Gioia e pace!

Pace e gioia! Gioia e pace!
Viva S.A.R.!
Viva l'art. 278 c.p.!
Gioia e pace! Pace e Gioia!

Troppo bubbo!
- Leggere bubbo rende bubbo, anzi troppo bubbo -