Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Febbraio, 2014

Rumore purissimo

E' complesso il pensamento per cui un sistema anche grosso ma senza rumore è un sistema noioso mentre un sistema anche piccolo ma rumoroso può evoluzionare (nel senso di cambiare stato, non nel senso insensato di migliorare).

Però quando miro a questo tipo di cose e i commentari mi dò conto che il ragionamento bubbo talora si distanza da altri ragionamenti come il lavoro si distanzia da un pizzaiolo.

Così quando capita di vedere un pc abbandonato ma che cè la schermata del motore di ricerca (segno di bubbità e fonte di rapida irritazione) istantanamente, se passa uno bubbo, fa una ricerca. Così quelli del motore sono contenti, quelli della pubblicità anche e pure quelli delle armi che tutto vogliono sapere e nulla capire.
Bubbamente la ricerca è del tipo [SE UNO SI ASPETTA CHE SIA SCRITTA QUI NON HA CAPITO DI COSA SI PARLA].

Oppure come misura di stimolo all'economia, alle analisi di mercato e del pensamento del consumatore e della bubbità del mondo e soprattutto quando cè un …

Ahhvantissimo!

Sono andato che esplicavno ma dei prodotti nuovi. Non si mangiava, solo bottiglietta d'acqua, ma non lo conto che sono andato a una cosa che parlano ma non si mangiava (che non è mai successo) perché era solo di uno ra.

E a un certo punto il bubbo dice che hanno un coso per i book e tutto avanzato perché i pampini (rompiball*, ma non lo ha detto) cliccano ma altrimenti si stufano e lo buttano via, e qui e li.
E allora uno dice che qui che li.
E allora il bubbo che "perché i 'mericani sono avanti anni luce su questo dei book che si clicca qui e li altrimenti si stufano e lo buttano via" (o più o meno, ma il senso era quello).

Stavo per soffocare perché cera il tavolo ma tondo e non potevo ridere che si vedeva.

Maddico, ti rendi conto che cè la legge che i 'mericani devono dare equo spazio ai creazionisti???

E che i creazionisti devono fare stare tutto il mondo in 6000 anni, che solo Adamo sene puppa 980 e che già i gizi non ci stanno neppure tutti, neanche di prof…

Quello del museo

E' bubbo che le pizze non hanno futuro, Non si parla mai ma coi verbi al futuro, non cè una qualche idea su perché poi si diventa tutti ricchi e magri (che nella versione del partito è già pure successo anni fa), il più previdente si organizza per cercare di sopravvivere ma più perla curiosità che per la capacità bubba di costruirsi il futuro.

Però è nelle pieghe di questo non-domani che si nasconde la bubbità e li vado a spiegare le pieghe, come un bubbo.

Due cose mele appunto ma cenera altre ma sono un po' tardo a appuntarmele e non mele ricordo ora.

1) Quello del museo. Ogni 3x2 cè quello che qualcuno ha fatto il museo, più o meno virtuale a seconda di quanto la società è vicina alla chiusura, al trasferimento exportativo o al partito o anche solo confusa. Ma la cosa bubba è che più la società dovrebbe essere futura e più gli sale questo del museo. Un po' viene da una legge fondamentale del management delle grosse società:
- il livello basso vuole prendere rischi per fa…

Sine experienza

Già melo dicevo ma più cisi addentra nella deindustrializzazione e più mi dò conto di quanto è difficile e importante costruirsi un'esperienza di vita in luoghi industrialmente impoveriti sul piano culturale e materiale.

Sarebbe più facile e meglio fare altre esperienze ma tanto che cisono questa resta un'esperienza rara che i futuri non la capiranno.

Ora cerco due cose le pile ma buone e del cavo. Il cavo sembrava facile ma non è così. Però ho capito che fanno del cavo ma un po' finto che non lo sapevo. Dicevano chiaro che era cavo ma con una certa sigla però uno non lo considera e invece dicevano chiaro che nonnera buono ma non si capiva.
Anche le pile cè tanto che sono finte e che è difficile farle arrivare ma ora ho un piano.

Però capisco meglio quelli che da tanto vivono nei posti poveri, è così impegnativo procurarsi le cose cheppoi non ti resta energia per farci qualcosa, sesi rompe è tutto difficile, ecc. ecc.

Così anche dalla crisis voluta dal partito cè il bello …