Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Maggio, 2010

La bocca sollevo dal fiero pasto

Volevo appuntarmi comè poi andata la cosa dell'A.D. che cera l'aperitivo e poi anche.
Intanto mi va riconosciuto che sono stato il numero 1 del pomeriggio. Non so se hanno messo il filmato sul sitio dei film ma non credo ci siano dubbi. E come sempre il primato viene dalla perfetta conoscenza del campo e dal dominio della situazione.

Mi ricordavo di dove mettono il caffè e così mentre tanti cercavano a quello della sera, che alle 17.00 era ancora chiuso, io già ero pronto per i biscotti e sono arrivato a prendere il primo assoluto, aprendo così le danze.

Non cè poi molto da dire, se non che le paste mi sembravano un po' strane, fuori misura. Ebbene tutto il cibo e il personale venivano da 450 km! Perché? Ho subito pensato che fosse per la sicurità dell'A.D. mappoi il suo assaggiatore deve avergli sconsigliato di mangiare al buffer e così si è dileguato si alla fine ma senza mangiare. Così poi non lo esplico perché il buffer veniva da li. Forse pensavano che tra i giand…

Mutatis mutandis

Mutatis mutandis dicevano gli antichi romanici. Ma, checché ne dicano quelli che opinano che gli antici mangiatori di olive erano molto più saggi dei romanici costruttori di fogne, la frase cela tuttora oggi per noi che siamo ben più evoluzionati, una saggezza inaspettata.

Infatti è come se l'invito a cambiarsi le mutande sottointedesse anche di adeguarle alle circostanze, che è un insegnamento che oggi, comodamente seduto sulla sedia da bubbo, ne posso dire di capirci l'importanza.

Ora è logico che il bubo debba avere mutande consone alla situazione, ad esempio di morte fulminea, di incidente stradale con ricovero, di caccia grossa o le normali mutande a pallini da bubbo quotidiano. Ma quello che non sapevo è che anche per le biciclettine della palestra dei fighetti ci vanno apposite mutande con un rinforzo in gommalatta che impedisce al sellino di molestare le chiappe.

Infatti capitava che, andando nella palestra perché stavo tutto il giorno seduto ed è male, dopo le bicicle…

Signus temporum

Comunqe sia saloni e convegni sono rappresentativi della situazione, a patto di saper leggere i segni, e questa è la loro utilità.

Mi sono iscritto a che ce una conferenza del Gran. Bubb. Amm. Deleg. della grossa società dei telefoni anche se il programma non è tanto chiaro, salvo due punti
1) parla il medesimo Gran. Bubb. Amm. Deleg. (poi magari in video registrato, sisà);
2) alla fine ce la pappatoria (vabbé, immagino la solita rissa in direzione di un vassoietto di salatini che qualcuno giura di aver visto e per avere un sorso d'acqua da bradipi con il cravattino e la divisa impiastricciata, ma tanto attira).

Prima mando la mail con i dati, come richiesto. Arrivano un paio di mail di conferma.
Poi mi arriva che c'è il form da compilare, e lo compilo.
Poi arriva la pagia di conferma e la stampo (non sia che mi perdo ste pizzette dopo 2 ore di blabla).

Ieri mi chiamano al telefono. Colpo di scena. C'è anche il cocctail di benvenuto mezzora prima dell'inizio.

Cioè il…

In demo mè apparso

E' un paio di convegni che sento parlare malissimo dell'effetto demo, per cui si prova qualcosa, qualcuno lo inaugura, poi si smonta tutto o, più spesso, si lascia un cadavere elettronico in circolazione.

Effettivamente ho iniziato a far caso alle antenne dell'antico sistema di cordless urbano che stanno cadendo (letteralmente) o ai totem abbandonati da tempo immemorabile.

Oh, muta memoria di modelli di business sbagliati,
antichi raccoglitori di slide altisonati!
Dite voi muti testimoni delle aziendali traversie,
l'assessore beneficiò dell'inaugurazione?
L'A.D. ebbe qualcosa di bello da dire alla trimestrale?
Che almeno su tanta immondizia tossica si sia fondato il bene e il bello,
che su tante riunioni e urgenze si erga il vantaggio e, chissà, un aumento o una promozione!
Ma muto circuito senza energia, tu non parli.
Non propali il bene che hai creato, se fu.
Sia il passato impolverato modello ed esempio dello spreco futuro!
Non fosse perché il bubbo è sempre…

Quanti usi

Vedevo che un periodista magnificava le future meraviglie del 3D. Figurarsi, diceva il bubbo, che tra i Giapponi già hanno il menu in 3D! Oh, meraviglia della tecnologia! Oh, sia lode ai miracoli della ricerca e della bubbità!

Ora il tipo di menu più diffuso tra i Giapponi sono dei modelli di cera (rigorosamente 3D), senza considerare quelli che ci sono i sushi (anche loro 3D) che scorrono sul nastro e uno, tutto bubbo, li mangia e poi si contano i piattini colorati e vince che Bubboni ne ha mangiati di più di tutti.

Insomma il 3D con gli occhialini sarà anche un modo di fare il menu, ma non è certo nuovo o migliore perché quello del nastro poi si mangia ed è sicuramente meglio.

Troppo bubbo!

Tempus tempi

Già melo ero appuntato che si viaggia sempre nel tempo e non solo nello spazio. Non è che uno tutto bubbo è andato nella tale città ma è che ci è andato in un certo tempo, sia di tutti che proprio.

Così rivedere dal tassì la città della carbonara mi ha fatto impressione. Mi sembrava come una foto messa nell'album che poi non ingiallisce ma cambia. I luoghi dei turisti sono anche i miei ma non come spazio, piuttosto come tempo. Io aspettavo la l'inizio dell'opera, io pranzavo lì in un giorno di sole, io visitavo il museo laggiù quando cera l'apertura gratuita. Nulla è spazio, ma tempo, tempi.

Così non è che ho vissuto qui, è che ero qui in un tempo. E anche ora non sono tra i gianduiotti e non sono più tra le tapas. Ma è che sono in un tempo che scorre e che quindi mi fa muovere.

Non sarò mai più di una città o di una nazione, oramai sarò sempre in viaggio e in un tempo.

Troppo bubbo!

Renovatio bubbitatis

Gaudim magnus rennovatio bubbitatis trasportum!
E' sempre bubbo vedere come poi non è che tutti sono sempre lì a competire, ma talvolta si uniscono gioiosi per agevolarsi a vicenda. Ed è altrettanto bubbo vedere come i più antichi mezzi di trasporto sono ancora capaci di stupire con innovazioni che neppure caino che a suo modo è stato tra i più grandi esploratori di vie sconosciute.

Si potrebbe pensare che con il tale mezzo di trasporto nella versione più tutta bubba uno poi non compra automobili sempre obsolete e sempre inquinanti. E così poi tutti si lamentano perché non lavorano, non distruggono, non inceneriscono, non inquinano e tutti sarebbero tristi.

E invece no! Dalla città della carbonara alla città gianduiotta si può rientrare solo fino alle 18.00. Poi basta. Non è che si paga di meno o altre trovate è che non si viaggia e basta. Così il modo più comodo è arrivare in un'altra città, strapagando, quindi continuare in auto o dormire comodamente fino al mattino dopo in …

Regolationis civicus convivium

Prima che andassi tra la carbonara e le tapas nel condominio vivevano un sacco di vecchi. Erano sempre lì a ficcanasare e a criticare, tutti bubbi e arcigni come se fossero i personaggi cattivi di un romanzo di bubbi arcigni.

Poi tornato i vecchi non c'erano, forse si sono trasferiti in un altro quartiere a dire malignità o forse a riposare, chissà. Al posto ci sono i "giovani" (per come li si intende oggi, prima sarebbero stati adulti ma ora non ci sono più perché con il bipolarismo sono rimasti solo i giovani e i vecchi) e taluni hanno anche messo i pampini.

Così, quando non diluvia, capita che ci siano dei pampini che giocano nel cortile condominiale, di fronte ai garages tirano carrettini e fanno avanti e indietro nei pochi metri di ferrocemento inseguendo chissà che fantasia di pampini.

Quindi, dico, il regolamento deve essere adeguato. Non ci sono più i vecchi, è ora di adeguare le leggi alle nuove necessità della convivenza civile e benigna.

Proporrò che sia speci…

Il post più letto di questo blog

Spesso si vede la bubbità delle statistiche e mille ne sono gli esempi. Io non rispondo mai alle statistiche per telefono ma, ognitanto, a quelle web per vedere se sono sempre bubbi uguali.

L'ultima che ho risposto era una grossa società dei mangiatori di formaggio che vende libri. Ho provato il loro sistema di vendita libri ed è molto peggio di quello di un'altra società dello stesso settore ma delle pizze. Fatto un ordine non puoi aggiungere libri (cioè di autolimiti nel potenziale di vendere, geniale) o togliere quelli che tanto non hanno, i tempi di attesa sono lunghi per titoli che dicevano di avere e tutto. Di meglio dell'altro c'è la consegna in negozio fisico che non ha costi anche per un solo libro. Manccadirlo questo pregio NON è pubblicizzato da nessuna parte e losì capisce solo alla fine del processo di vendita o perché uno losà.

Nel loro sondaggio permettevano di dire queste cose intelligentissime, fermo restando chemmai eppoimai un mangiatore di formaggi …

Contenitori e contenuti

Volevo iniziare gli appunti saggi sulle notizie ma il tempo è poco e così metto le solite due bubberie e via.

Una cosa editoriale è come un partito, fatta di due parti che una si vede e una no.
Nei partiti si vedono le persone ma sarebbe un errore bubbo credere che un partito sia tutto li. Per questo che spesso la persona "buona" in un generico partito non è cheppoi faccia chissàchè. La parte che non si vede sono l'ideologia, la prassi, la storia, le relazioni con i poteri forti, i rapporti percentuali con gli altri partiti e i rapporti del Cencelli, e tutto quello che c'è ma che non si vede. Le due cose, quella che si vede e quella no sono quello che esiste e che importa. Quindi un può essere, chessò onesto, ma messo in un partito di ladroni la sua azione risultante sarà al massimo quella di chi vede i ladri e non chiama chi di dovere.

Analogamente un periodico è fatto dagli articoli, e tutti opinano facilmente sugli articoli, ma anche dalle scelte editoriali. Le sc…

Come questionare la bubbità e dormire contenti

Gli euroburocrati hanno publicizzato di aver messo in campo 750 miliardoni di euro (ehi, ma non mancavano i soldi per le scuole, il lavoro, la sanità, le pensioni, l'energia sana e tutto?) per... e qui le cose si complicano.

Per far cosa? In realtà, appena uno legge oltre la propaganda dell'eroica lotta contro gli oscuri speculatori che attentano ai benigni stati dell'eurobestia, si capisce che tutta la manovra è di una bubbità sconcertante.

Ma, a parte gli speculatori, possibile che nessuno abbia l'onestà di questionare tutto il sistema, di evidenziarne la bubbità e di invocarne la fine?
Ma forse no. Meglio che il bubbino si creda la storiella degli speculatori cattivi. Dopotutto le fiabe servono a dormire bene, non a sentire l'esigenza di svegliarsi e di liberarsi dei ladroni.

Troppo bubbo!

Comunicatio securitatis

"Holding mafiosa sul trasporto della frutta"

Dire al telefonino "e compra anche un 1 kg di pere" è sempre più pericoloso.

Tanto vale dire "vedi se c'è ancora la coca in offerta" e poi scandire bene il nome e il codice fiscale per facilitare quelli delle intercettazioni.

Troppo bubbo!

Intolleranza al preordinato

"[SOLITA ZUPPA] arriva. Il 28 maggio. Preordina il tuo oggi."

1) Intanto odio la formula bla blaBla bla. La odio meno di quella che usa le maiuscole a casaccio per "dare enfasi" (poi enfatizzi tutto e così non ha più enfasi nulla) ma anche questa non mi piace.

2) Mi piacciono i prodotti liberi perchè, tra l'altro, possono aggirare la stupidità degli operatori [TALI]. Figuriamoci semi compro una roba che neppure posso scegliere cosa mi pare e selo voglio tenere o buttare.

3) Al più lo prenotavo (non è vero, non ho neanche i soldi) ma se è tutto preordinato allora non sene parla.

Troppo bubbo!

Tutto un exito

Così risulta che tutta la politica economica dell'euroburosauro, per anni e anni, è stata sbagliata. Risulta anche che, come già visto in occasione degli ultimi democratici accordi che se a qualche popolo non piacciono si rivotano perché non è stato previsto che non siano approvati, anche tanti altri accordi non prevedono questo e quello.

Tutto un imprevisto, tutto un fallimento, tutto il contrario della propaganda martellante.

Sarebbe un exitazzo delle previsioni avverse a questa gestione e costruzione criminale dell'europ*, barbaro mostro liberista che si è mangiata la pia aspirazione dei popolini di non sbudellarsi più ai patrii confini e di dare qualche esame in un'altra nazione.

Ma così non è. Non ci può essere successo quando ci sono tre morti, il mostro continua a imporre assurde condizioni di vita ad un sacco di popolini per la realizzazione di bubbe teorie economiste, il tutto senza mai mettere in discussione l'immane spesa bellica e il finanziamento alle mafi…

Hipotesis bubbitatis

Tempora moditicatio forma regis magum societatis!

Eh sì. Il mio modello su come funziona una moderna grossa società e su quanto è bubba è da rivedere, alla luce dei nuovi livelli di bubbità che si possono raggiungere con i moderni contratti lavorali.

Dolenti revisioni quam facti contrasti bubbus refexionis.

Siccome a breve la luce si pagherà molto di più di giorno e un po' di più di sera, essendo anche sveglio di giorno mi sono risoluto a cambiare contratto di fornitura.
Il problema è che per avere lo sconto superbubbo si poteva attivare solo telefonando. Vabbé. Mi aspettavo che dopo aver comunicato tutti i dati a voce poi mi mandassero un pdf da spedire per posta correggendo tutte le bubberie e poi attivavano la cosa. Invece no.

Chiamo e un operatore umano mi dice veloceveloce "tutti i bubbi sono occupati, abbiamo preso il numero sarà richiamato prestopresto". Vabbè. Nessuno chiama.

Riprovo il giorno dopo e mi risponde il solito operatore veloceveloce con la stessa tiri…

Semper bubbus

Ah, i commentari di bubbina sui periodici richiederebbero un largo pensamento e appuntazione sulle questioni, ma sono in medium res con le cose del lavoro e non posso dedicarmici.

Però mi pare bene rilevare ancoa una volta il lato bubbo delle cose, per cui anche nel male c'è il bene, basta vederlo bubbamente.

Vedevo le notizie, sempre più terribili, sulle cose dei pedofili e del relativo, colossale, mondiale, insabbiamento.

Due i punti bubbi:
1) gli scienziati sempre dicono cheppoi tutto il mondo sarà di sabbia, che i monti si sbricioleranno e il deserto avanzerà e le grandi opere mafiose e tangentizie si scioglieranno e tutto. Però, da buoni ignoranti, non esplicano perché. Ora inizio a capire a cosa serve tutta questa sabbia.
2) prima se un officante della tale religione era cattivo, scorbutico, sempre incazzat* tutti lo sputavano e dicevano che non era un buon rappresentate di quella affascinante allegria e letizia. Così i bubbi erano emarginati e intristiti. Oggi se un officia…