Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Ottobre, 2012

Quelli del pane

Ogni tanto miro che sui periodici esplicano come fare con la crisi e vedo sempre che faccio tutto quello che dicono, però da sempre, tranne uno che sarebbe che non giro più supermercati o comprare grosse scorte perché mi pare sbagliato e per nulla conveniente. E' meglio tenere un minimo di scorta per comprare solo quando conviene, oltre a cambiare sempre marche per la questione della salute.

Ma, tra le cose che non indicano mai, cè che vicino che vado ogni tanto cè una panetteria che vende il pane di ieri a meno prezzo. Cè da dire che è un pane buonissimo, fanno vari tipi e tutti durano una settimana  (anche inziando ieri) se uno non li mangia subito, ma che sono buoni.

Ovvimente compro sempre quello di ieri, se cè, ma non posso andare sempre, così pensavo che nessuno si fosse fissato che ero sempre io.

Vado e cera una che non la finiva più, poi finalmente tocca a me e la bubba del pane inizia il discorso, prima che chieda alcunchè, dicendo: "allora di ieri abbiamo grano duro…

Consecutio temporis

Due cose che non faccio mai, ma non credevo che la bubbità stesse non tanto nel farle quanto nel farle una dopo l'altra:

1) guardare un pezzetto di una pellicola di zombie;
2) attraversare il centro a piedi di domenica pomeriggio.

Troppo bubbo!

Quella strana linea del tempo

Miravo a quello della ragazzina che si è suicidata perché caduta nella trappola del pedofilo stalker. Non metto il link perché tutti mettono il nome del tale che è stato suppostamente scoperto dai hackers e, anche in questi casi così estremi, per me il nome non va messo ma consegnato ai medici curanti.

E ragionavo anche sul tempo circolare dei antichi. Tante cose degli antichi uno sele può immaginare, tipo che avessero i cellullari grossi o che mangiassero del pane ma buonissimo, ma quello che capissero il tempo come circolare non melo riesco bene a capire.

Sarà che avendo la sorte di trovarmi
a) tra le pizze
b) sotto una democratura europe*
se non avessi la speranza fermissima che il tempo si muove su una linea e con la freccia ben chiara ci sarebbe davvero da spaventarsi.

Però quello che dovrebbe essere lo spazio del futuro, usando i termini dei più bubbi ed ignoranti, cioè la rete, vive in un tempo congelato e, inquanto fermo, mostruoso.

Già mila gnavo che fai una ricerca per un ba…

I mangiatori di pa amb tomàquet

Questo articulo è fatto bene e qui melo appunto.

Non ho tempo di riscriverlo in bubboniano ma alcuni punti di ragionamento vale la pena poi di riprenderli, ora che infuria il debate sopra quello delle nazioni che si sfarinano.

Il punto di partenza è che la sinistra non può che essere internazionalista, per sua definizione nel mirare alle classi (cercando i oppressi) e non quelli di uno stato, regione, provincia, città, quartire, condominio, famiglia, persona o, via via, meno. La cosa è rilevante nel debate delle tapas, forse altrove lo si capisce meno.

Un punto bubbo è però quello del tempo. A quando far risalire il diritto di un popolo sul territorio, poi perso in una nazione che ora, più o meno suppostamente, opprime e sfrutta? Dice il bubbo che 1000 anni fa l'attuale nazione delle tapas era parte di un califfato islamico. E' a quello che bisogna tornare? O prima, quando l'umanità emigrava dalla Gran Valle del Rift, per cui pare che tutti i contemporanei sono autentici d…

Blog Action Day 2012: Power of We

Oggi, per chi scrive, cè quello del Blog Action Day. Sarebbe che i blog famosi e no tutti dicono dello stesso tema che sarebbe "Power of We".
Come al solito la bubbità del tema stuzzica e così, anche a sostegno del blog meno famosi anche qui sene parla.

Il tema sarebbe di dire che la massa conta qualcosa, che può soluzionare e fare anche se ci sono i bubbi mali che, in pochi, fanno tutto. Tutto sommato è un aspetto bubbo proprio ora che in molte nazioni si afferma quello che dice il documentale che sarebbe di usare nei paesi che avevano la classe media le stesse tecniche usate in una dittatura tradizionale.

L'idea di fondo è quella di diffondere l'idea che ogni resistenza alla pratica neoliberista è del tutto inutile. I pochi che si vogliono opporre sono cortesemente inviati a curarsi dalle botte, a pensare ai loro processi e denunce o, come tanti altri, a occuparsi di procurarsi il cibo senza perdere la casa nel frattempo. Insomma nulla di diverso da quello che si v…

Come diventare intelligentissimi: il latino

Cervus et venatores

Ad lacum cervus, postquam sitim exstinxerat, conquiescebat et in aqua, tamquam in speculo, effigiem suam vidit.
Prima specie ramosa robustaque cornua laudat, crurum tenuitatem fragilitatemque vituperat.
Repente latratus vocesque audit: cum canibus venatores, arcubus verubusque armati, veniunt; statim arcus intendunt et spicula iaciunt. Cervus perterritus per agros levi cursu fugit: bonam spem habet; nam crura alacria et velocia sunt. Sagittas vitat canesque eludit, dum per campum currit, ubi nulla res cursum impedit.
Sed cum in densam silvam pervenit, ubi salutem sperat, arborum rami longa cervi cornua retinent et cursum impediunt. Mox saevorum canum morsus miserum lacerant.
Tum spiritum effundens, cervuts dixit: "Crura et genua despexi: nunc autem crurum et genuum utilitatem intellego; ramosa cornua laudavi: nunc autem fletus luctusque causa sunt".
Nos quoque saepe exitiosa laudamus, contemnimus salutaria.

tratto (ed opportunamente semplificato) da Fabularum P…

L'info che cercavo

Mi stavo chiedendo se andare a una mostra, con tutti i disagi e la perdita di tempo del viaggio, ma fisico proprio di andare li, non col web o con la confcall.

Vado sul sito relativo, sta mostra ha cambiato diverse volte sede e volevo vedere dovera e come andarci se mi era non troppo scomodo e caro.

Mille e mille siti hanno "Dove siamo" o "Come raggiungerci", comè ovvio chessia. Beh, qui non cè.
Non è che è difficile da trovare è che non cè. Cè il nome del sitio, ma senza indirizzo preciso solo il nome chelo conosce chi abita li, senza coordinate per il navigatore, senza cartina, senza mappa dei collegamenti, delle navette (se ci sono), dei biglietti dove si fanno e quanto costano.
Nulla di nulla. Non cè.

Eppure proprio così ho trovato l'info che cercavo.
Non ci vado.

Troppo bubbo!

Basta poco

E' sempre impressionate come, alle volte, basta davvero poco perché succedano le cose. A ben guardare si vede come nelle riunioni dei sedicenti lider poi sono le menatine quelle che li condizionano, come che uno parla che si capisce e allora tutti lo vogliono, uno è troppo idiota per essere umanamente tollerabile, uno parla troppo, ecc.

Solo che vedere queste cose, piccole e che vengono dette solo per caso è difficile. Tanto più che l'unico momento nella storia in cui sono state applicate le ricette economicistiche attuali che non cè alternativa era comunque una dittatura esplicita, mentre ora cè che picchiano e incarcerano illegalmente ma non è esplicito.

Così è bello questo relato, perchè a vedere quanto poco fa effetto su dei nanetti del ragionamento politico, che badano bene a parlare solo quando nessuno (furbo) può fare domande e pretendere una risposta, cè sempre da chiedersi perché non provarci.

Troppo bubbo!

Questio sine mentis

Di tutte le domande quelle dei commessi sono le più bubbe e io mene prendo sempre paura. Come dice Bubboni quello che va valutato sono le domande e non le risposte, ma è che quelle dei commessi fanno sempre capire che cè una genda segreta, qualcosa che non sai e non capirai.
Mene segno due misteriose.

"La mangia oggi?". Ame viene da mentire quando mi chiedono questo. Mela darà vecchia se tanto la mangio oggi? O quella che è caduta, tanto non faccio in tempo a capirlo? Chissà? Mappoi ho detto, sì che tornavo a casa e mela mangiavo tutta mozzarella del posto chele fanno. E invece no. "E' appena fatta e ancora calda" (boh, ma non era un pregio mangiare le cose appena fatte e ancora calde?) "deve aspettare almeno stasera, meglio domani". Vabbé, sarà il formaggio di Tantalius ma almeno ho risposto giusto. "Però può mangiare la scamorza". Che detto dalla bubba delle mozzarelle è meglio che selo dicesse i medici e il motore di ricerca dei sitii in …

Sostegno concreto

Io non ci credevo, anche perché la teoria delle cose è netta.
Se hanno preso il potere a suon di botte non è poi per fare il bene e il buono, altrimenti che prendevano il potere a fare?

Eppure mi devo ricredere e constatare che, ancora una volta, vedere il lato bubbo e bello delle cose è sì un dovere ma anche una conquista.

Opinavo che i banchi europe* non potevano dare un sostegno concreto alla piccola imprenditoria, ma per una questione proprio di leggi e europeat*, oltre che per la giusta priorità data agli amici e al partito.

E invece ecco che arriva una mano, ferma, stabile, rassicurante proprio verso la piccola imprenditoria di questa nazione avviata a tutta forza alla deindustrializzazione, con una potenza mille volte più bubba dei treni che annunciavano la prima industrializzazione.

Oh, millemila miliardi fossero spesi in ricerche sul campo! Oh, mille stagisti fossero mandati aggratis per le strade e stradine per cogliere tutti i segni di questa fase bubba dell'economia! …

Costruendo sulla sabbia

Cè un piano nascosto ed io lo scoperto,
cè un luogo da sogno e io ci dormirò.

Orrende costruzioni,
ladrocinii e tangenti a cielo aperto,
diventeranno sì polvere,
ma quando?

Ladri di partito,
eletti e rieletti da stupidi o amici,
finiranno sì le ribalderie,
ma quando?

Eppure qui che il futuro
è pianopiano nascosto
da un presente pianopiano più nero
qui cè un piano segreto ed io lo scoperto.

Eppure qui che i luoghi
sono fatti sempre più miserrimi
da misere costruzioni di mafia, ferro e cemento
qui cè un luogo da sogno e io ci dormirò.

Ho visto un tram,
sembrava come i pochi che passano,
ma sottosotto cera qualcosa.

Un tubetto, non più grande di un tubetto,
e da lì ognitanto usciva sabbia.
Poca, leggera, fine, ma sabbia.

Ecco il piano svelato!
Ecco il tempo che serve!
Ecco il domani che porta il bello!
Ecco che l'orrendo edificio diventa sabbia.

Oh, tempo scorri veloce,
mille tram passerano,
tonnellate di sabbia cadranno,
partito e mafia sproaffonderanno!

E io mi allungherò sulla s…