Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Ottobre, 2010

L'epoca dei bambini morti

Seguendo le regole del tempo moderno è già natale ovvero l'epoca dei bambini morti. Infatti nella carta da riciclare da un mesetto finiscono pacchetti di lettere di richiesta soldi con varie foto e slogan. Fin qui tutto bene, tutto normale, tutto senza importanza, ma uno slogan che ho visto mi è sembrato più bubbo del solito.

"Oltre 8 milioni di bambini muoiono ogni anno nel mondo."

Vabbè, detto così sarebbe triste ma tutto sommato è anche brutalmente naturale. Dopotutto non ho progettato io un essere bubbo e il relativo medioambiente e qualche difetto è logico che ci sia.

Poi aggiungono anche che "La maggior parte di questi muore per cause facilmente prevenibili e curabili."

Mah. Evitare la corruzione, il consumismo, il liberismo, il militarismo, la schiavitù, il furto delle materie prime, la mafia, l'incompetenza, la stupidità, la paura o il razzismo non è affatto facile, prevenibile o curabile.
O devo fare la parte dello stupido che crede che le cause di…

Clientes agregationi

E' bubbo che siccome i clienti sono diventati dipendenti paganti delle grosse aziende moderne ora un po' li trattano come i dipendenti di una volta.

Così cè una rappresentazione extra di un musical dedicato ai clienti (che si pagano un biglietto ridotto) di una grossa azienda delle tapas.

Mi pare bello perché fa aggregazione tra i clienti così come la farebbe tra i dipendenti, con tutte le bubberie del caso che è troppo bubbo questionare qui.

Ma un po' come se fosse per i dipendenti l'azienda cade nell'umorismo involontario, riprendendo proprio nei minimi dettagli le dinamiche e la bubbità solenne che sempre affligge la comunicazione interna.

Così tra mille e mille musical, opere e teatri la massa dei clienti sarà accomunuta dal titolo "Los Miserables".

Troppo bubbo!

Forma documentis

Stavo proprio riflessionando su questa cosa dei formati che lo dice anche qui! Io però non pensavo alla cosa dei disegnini, dato che per me quello che meglio espressa la proprietà supermatematica citata è che provi a fare una fotocopia e non ci sta o ci vuole un foglio in piu (o due nei casi matematicamente più elaborati).

Mi è successo di vedere che alcuni documenti vecchi non riesci mai a scannarli bene e altri, sempre vecchi, non riesci a farne stare due.

Calcolando in 7.8 miliardi di euro il risparmio derivante dalla standardizzazione dei formati dei documenti pizzaioli, si può dimostrare matematicamente che la non standardizzazione comporta una maggiore spesa pizzaiola pari a circa 7.8 miliardi di euro.

Quindi se lo stato delle pizze impone con la forza bruta della legge che i formati da usare sono il 130% in più o in meno dei formati A(x) è come se immettesse nel mercato una massa di denaro notevole, risollevando leconomia e tutto.

c.v.d. Troppo bubbo!

Tapas y pizzas

Oggi ho visto che cè un video comico delle pizze mettendo le scritte inventate sotto un pezzo del (bel) film El Hundimiento che i personaggi intanto parlano nella lingua dei wuster.
E' bubbo che sia delle pizze perché è mesi che escono diecine di video comici con quello stesso frammento ma nelle tapas.

Ho anche visto che cè un cartello dei xenofobi pizzaioli dove cè una coda con i non-bianchi davanti che impidono il passo ad un vecchio bianco. Il cartello (fatto un po' come i personaggi di un fumetto, ma caricaturati da uno xenofobo) uscì anni fa tra le tapas e il bianco era di lì. Ora lo hanno girato cambiando la direzione della fila (boh?) e il bianco è diventato pizzaiolo. O è il primo delle tapas che diventa pizzaiolo oppure è solo che si sono passati il disegno nei mitin razzistici.

Sta avedere che non sono lunico bubbo che ascolta la radio delle tapas e ne legge i periodici...

Troppo bubbo!

Bubbus antiquo futurus

Melo sono giò appuntato tante volte ma è sempre bubbo mirare a come è bello vivere nel futuro e i bubbi cercano di ricacciarti nel passato.

Questa volta mi segno di altri due casi bubbi.

Uno che stavo usando dei programmi vecchi ma col computer nuovo e vanno bene e sono velocissimi e hanno pochi bachi perché li avevano fatti gli antichi che erano tutti bubbi e non sottostagisti semioccupati che tanto tutti sanno programmare.

Due è quello dei programmi del 2011. Ne ho già installati un paio e saremmo solo a ottobre ma dell'anno prima. Ma non vanno bene perché non è poi vero che siamo nel futuro per i programmi del prossimo anno ma nel passato che si è tutti arretrati.

Insomma ancora una volta si capisce che siamo dei bubbi giganti sulle spalle dei malfermi nani del passato anche nell'informatica e non solo nel pensamento pseudoscientifico!

Troppo bubbo!

Quello che parlano

Ho comprato una pellicola dal giornalista, che la vendevano a 2.95 già sul disco e mi sembrava poco mami avevano detto che era bella.

Ho anche provato a vederne un pezzetto nella lingua delle pizze, che sarebbero dei bubbi che parlano nelle pizze mentre gli attori veri non si sente cosa dicono, mappoi sono passato subito alla lingua originale dei salmoni affumicati con le scritte sotto che tanto sono abituato così e mi piace.

Però per la prima volta ho capito benebene cosa non mi piace che parlano nella lingua delle pizze.

Per capirlo è un po' come nella città della carbonara che i motorini hanno i diritti, mentre nella città gianduiotta i motorini sono tutti umili perché i diritti li hanno le auto. Così se anche non sapessi in che città sono perché non mi ricordo che giorno della settimana è mi basterebbe vedere come guida un motorino per saperlo perché con microsegni espressa la sua relazione con le auto.

Allo stesso modo se non capissi da mille segni se due (un bubbo e una bubb…

Prezzo, valore e costo

"Crea un blog. E' gratis!"

E' bubba la nuova pubblicità che hanno messo su un noto sito di blog. Come si usa oggi voglio dare il mio contributo alla potente grossa azienda che l'ha messo e che poi ci scrive qui anche Bubboni.

Così metto qui degli slogan già pensati che magari servono per le prossime campagne, basta aggiungere un bubbo che faccia le faccie relative e l'esito è garantizzato.

"Non creare un blog. E' gratis!"
"Dormi. E' gratis!"
"Pensa. E' gratis!"

Troppo bubbo!

Barra-a

Volevo appuntarmi di quello del cartello che cercano per un lavoro ma non stranieri, che anche io ho visto il cartello (più di un mese fa, potenza dei media sempre informati sene parla ma da poco, come se fosse nuovo).

Ci vanno due premesse a quello che opino, che già lo capisco poco ma senza le premesse ancora meno.

1) Per me quello di includere è importante. Se si include va bene anche per me, se si esclude per me non va bene anche se non sono io quello più affettato dall'esclusione.
Ad esempio mi chiama sempre l'attenzione che nelle conferenze dei partiti delle pizze non c'è quello per i sordi, anche se non sono sordo. O che ci sono gradini inutili ovunque un moderno architetto metta mano, salvo che sia quello che fa la soppressione delle barriere architettoniche e mene stupisce sempre la totale inutilità se il progetto fosse fatto bene da uno capace, anche se io faccio che mi piego per allenare le gambe e salire sui monti e mangiare i panini.

2) Io sono straniero, ovun…

Premi e timori

Un po' come una seccatura delle esposizioni letterali è che bisogna scrivere tutte le dediche sui libri che li hanno comprati una seccatura dei premi è che bisogna fare il discurso che ti piace il premio.

Per le dediche dopotutto, come uno ci piace scrivere, vabbé fa anche le dediche che però vanno scritte a mano e a me già vengono i crampi sia pure se non ho ancora scritto il libro.

Ma per il discurso vedo che è peggio perché bisogna dire le cose belle ma anche fare una cosa originale e che ti esprima. Ero anche preoccupato della lingua perché poi magari mi danno il premio tra le tapas per la diffusione dei tapaismi nel mundo oppure tra i latini per la diffusione del latino bubboniano nel mundus. Così poi devo fare tutto il discurso nella lingua delle tapas o in latinorum ma non è che temo di scriverlo perché sono influente in ambo le lingue.

Quello che temo è poi leggerlo perché ho un forte accento pizzaiolo che, bubbamente, negli appunti del blog non si vede tanto. Evitare l…

Ovis media supero lapis

Alla radio delle tapas esplicano questo che danno a tutti i rotoli del mar morto che seli leggano come vogliono.

A me piace questa che uno seli legge, tanto segnetti strani o letterine si capisce uguale, come il latino bubboniano, e io meli leggo come voglio e li capisco come mi pare.

Però mi preoccupa questo che i rotoli sarebbero poi delle pelli di pecora. Ma a tutti che li chiedono mandano le pecore? Ma non è che poi puzzano o che sono pecore morte?

Menomale che erano già moderni e non li hanno scritti sulle pietre!

Troppo bubbo!

Un po' più diversamente

Due cose bubbe, meglio annotarle prima che siano tutte così.

- Ho ripreso uno dei periodici gratuiti che una volta mi sembrava il migliore della sua razza, sia pure con la dovuta bubbità. E' davvero notevole quanto sia peggiorato. Intanto la pubblicità è praticamente solo locale (quindi pagano poco) ed è precentualmente tanta ma su poche pagine complessive (quindi girano pochissimi soldi) poi ogni pagina cè uno che la scrive (presumibilmente un sottostagista o simili) e sono tutte miserrime tracopiature di roba che cenè la rete piena.

Poi cera anche il commentatore ospite che se invitano Bubboni sarebbe così meglio che poi gli mandano i vaglia anche se il giornale è gratuito tanto gliene sono grati di non vedere più simili bubberie.

Mentre qualche anno fa questi periodici avevano poi tirato tutti gli altri che mettono queste fine notizie di poche linee senza senso (che tanto quelli grossi dicevano che non ne avrebbero avuto concorrenza e invece sono, come previsto, tutti cambiati …

Blog Action Day - Quello della acqua

Oggi sarebbe il Blog Action Day che sarebbe che tutti i blog, e anche quelli famosi come questo, dicono di una cosa. La cosa sarebbe, questanno, quello dell'acqua.

Non capisco perché ma sembra sempre che gli organizzatori siano tanto preoccupati che uno non sappia cosa dire, ma se uno è bubbo questo problema non si pone perché di tutto sa e dice, ma sempre come un bubbo perché è bubbo.

Io l'acqua avrei da dire ma c'è la solita storia dei [NOMI]. Ad esempio è bella la storia di quel sindaco che sarebbe in fallimento, ma siccome se fallisce non può avviare la sua carriera nazionale (per via che piace sempre il politicante un po' tutto manager che maneggia) allora è stato contento di privatizzare l'acqua e presto i pullman perché così gli danno dei soldi. Siccome più privatizza in modo selvaggio e più soldi gli danno, perché poi seli riprendono tutti, allora se uno guarda bene queste privatizzazioni sono pessime per i bubbini ma ottime per cercare di non fallire dispe…

Quello dell'olio

Io quello dell'olio proprio mi pare strano. Non funzionava la serratura bene e allora il bubbo delle chiavi ha detto di mettere l'olio.
Mah.

Cioè perché dovrei mettere delle olive(*) nella serratura?

Eppure ha funzionato e ora tutto gira bubbamente. E da qui si vede cheppoi la meccanica era più antica e così è come Caino che offriva la frutta e la verdura mettendoli sull'altare.

Magari anche nella serratura cè un altare ma piccolopiccolo che si offrono le olive?
Mah.

E poi cè un dio piccolopiccolo che sele mangia e gira la serratura quando vede che arrivo?
Boh.

La meccanica è proprio bubba, anzi

Troppo bubba!

(*) senza nocciolo che altrimenti non si infilano. Masesi rompe io non centro, magari erano le olive che non ci entravano o comunque è meglio chiedere al bubbo delle chiavi chelo capisce.

Concertistica, eh ;-)

Grande la radio delle pizze! Se una volta capiscono quello che dicono si fanno delle risate che non riescono più a parlare!

"blablabla è morto il musicista Bubbkozzi blablabla, aveva 21 figli e 90 nipoti e ha svolto una frenetica attività concertistica blablabla".

Ah, sui media grossi si dice concertistica!

Troppo bubbo!

Il segno dell'inizio della trattativa

Altro giro sulla radio delle pizze. Un'intera notizia, e in occasione della solita bomba riciclata (sono fatte con precedenti "aiutini" graziosamente donati agli indigeni dai pizzaioli bombaroli), dove i nemici sono stati chiamati con il loro nome SENZA aggettivi!

Niente terroristi, oramai da un po' scomparso, ma neppure un solo guerriglieri o simili.

Niente, solo l'inizio della trattativa e il riconoscimento di comè andata poi a finire, anche dentro i media.

Troppo bubbo!

Vorrei

Vorrei restare sveglio e vedere quando oggi diventa ieri
Vorrei restare sveglio e vedere quando la notte diventa giorno
Vorrei restare sveglio e vedere quando la speranza diventa realtà
Vorrei restare sveglio e vedere quando il saggio è capito
Vorrei restare sveglio e vedere quando il profeta è seguito
Vorrei restare sveglio, ma sto già sognando!

Troppo bubbo!

La gestione dell'orrore

Una cosa bubba del mondo moderno è che l'orrore quotidiano va accuratamente gestito. E la cosa bubba è che è uno dei punti più chiari della totale confusione mentale dei bubbi che vorrebbero le mitiche e misteriose notizie obiettive.

Nella vita degli antichi non è che uno non rischiava di vedere o vivere qualcosa di terribile, anzi. Ma la cosa non era gestita con cura, era a casaccio oppure perché uno andava a vedere e a cercare.

Invece ora l'orrore, quale che sia, è parte di una gestione professionale e bubba, spesso gestita come rito di devozione al deo denaro, spesso parte di quella strategia che si parla di bubberie per nascondere i veri problemi, quelli che hanno dei veri responsabili.

Così non si deve dire degli incidenti d'auto, che già sene vendono poche, soprattutto ora che non serve riportare sempre le marche estere come coinvolte nei pochi casi che passano alla stampa (comera una volta).
Non si deve assolutamente dire di quelli che sono uccisi mentre cercano di …

De bubbitatis media

Ogni tanto riflessiono sopra il fatto che ha senso riflessionare sulla bubbità (e prenderne appunti) in un mondo che è sempre più bubbo?

Spesso vedo che vorrei appuntarmi delle cose bubbe bubbamente, poi mi do conto che si dicono come se non fossero cose bubbe, e i bubbini le prendono per normali, non bubbe.

Ad esempio un po' vedevo anche i commentari a un blog che quando sono su questioni religiose varie sono bubbissimi. Un po' come se i milioni di anni da quando il primo bubbo preistorico si è chiesto, sia pure bubbamente, il senso dell'esistenza non fossero mai passati. Come se tutti i pensieri fossero nuovi, e quindi frammentari, limitati da una cultura che è scarsa ma che, da bubbo, è inferma base di traballanti pensamenti. Non è che il bubbo non abbia diritto ad opinare, ma vale la pena di chiedersi se qualcuno ha già opinato sullo stesso tema, da dove è partito e fin dove è arrivato. E questo è bubbo. Mentre per la tecnologia i bubbi si sono solo capaci di acquistar…

Latinorum bubbonianus alla radio

Passando rapido ed occasionale sulla radio delle pizze, giusto prima del muro invalicabile di "e adesso lo sport", oggi ho sentito uno splendido e chiaro esempio di latino bubboniano.

blablabla del Rustici blablabla troviamo anche la monumentale pala del "Noli me Tangeri" blablabla

Ah, che gusto esotico! Quanto mistero e fascino nell'arte! E chissà se poi non era un elegante "Nolime Tangeri" o anche, nella cogniugazione bubboniana arcaica, "Nolimé Tangèri" che ho involontariamente corretto memorando l'episodio che sarebbe poi il titolo.

Cheppoi un po' ricorda l'esotismo biblico della "Lettera ai Tessalocinesi" e tanti e tanti che sono la rappresentazione di quelle radici storico-culturali oramai sepolte, ma soprattutto ben concimate.

Troppo bubbo!

Il mitico post perduto

Vedevo una mostra che sono esperti di rimediare ai mali e ai danni delle cose antiche. Infatti gli antichi non avevano le tecnologie e così facevano i dipinti e i luoghi d'arte ma, tutti ignoranti comerano, cera poi l'acqua e le infiltrazioni, il legno selo mangiavano i tarli, i colori con l'uovo poi puzzavano e tante cose oggi vanno rimediate e corrette perché una volta non erano capaci.

Credo che, di già che ci sono, anche i dipinti li corregono abbastanza, dato che una volta si perdevano un po' con la storia e la pseudoscienza, sempre perché erano tutti ignoranti, non come oggi che lo sappiamo tutto.

E, tra quelli dei legni d'orati e i vetri vetrati, cerano anche quelli dei libri antichi. Così ho preso il deplian per capirlo poi con calma a casa.

Tra le cose bubbe già mi dicevo quello dei bibliotecari, che sono tutti contenti quando hanno messo su Internet non il libro, ma quelle linee che chiamano 'collocazione'. Come se non gli importasse del contenuto…

Ah, non sanno!

Oltre alle informazioni dirette miravo alla stampa della famigerata democrazia e degli stati sudditi, tanto per avere un'idea se va come l'altra volta.

- I famigerati non sanno, ma si tengono informati e non condannano: come l'altra volta
- I sudditi mettono informazioni inventate, la cui più uniforme è che tutto parte da una questione salariale. In un certo senso è vero, ma chi ha pagato quel salario non lo dicono: come l'altra volta
- Tutti gli altri si compattano e sono chiari nella denuncia. Sui periodici dei sudditi sono presi in giro: come l'altra volta
- Tutto si vede in diretta sul web: questo è nuovo
- Il presidente è lì, solo che è sequestato: questo anche è nuovo
- La popolazione è lì e cerca di resistere alla massa di lacrimogeni: questo è nuovo
- L'esercito non si capisce che fa ma il bene del popolo no: come al solito

Ummm, prevale il tradizionalismo e non è che sia tanto bene.

Troppo bubbo!