Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Dicembre, 2008

Bubbus inscribens

Quando il bubbo scrive un SMS precipita in un mondo tutto suo, fatto di silenzio, tastini e pace. E il bubbo è contento nel suo nuovo mondo, non sente la mancanza di quello vecchio che per un po' non vede più.

Anche se qualche volta questo isolamento dal mondo esterno è fonte di tragici incidenti in genere non è nocivo perché questo mondo è un po' meno bubbo visto che un bubbo ne è temporaneamente uscito.

Ora manca poco al minuto d'oro, quello in cui le reti sono sature di SMS buon anno buon anno. Ci sarà pure un po' di automatismo, ma sicuramente milioni di bubbi vagheranno nello spazio siderale per un tempo non proprio breve visto che devono scrivere miliardi di messaggi.

E mentre quelli vagano il mondo non solo è meno bubbo ma gli operatori si gonfiano esageratamente di denaro. Ancora una volta è una situazione win-win, tutti sono felici e gonfi di ciò che gli gusta.

Troppo bubbo!

Imago bubbus mundi

Mi pare che il marketing consumer sia un po' uno specchio distorsionato dei bubbini che vuole catturare e quindi, come gli specchi che fanno vedere magri, è divertente e sociologicamente istruttivo.

Così il venditore di elettronica annuncia "regali per tutti"! Oh, equistatis mundi! Magna concordia allocatio benis! Pauperus gaudim, patizium consolatio!

Regali per lui: gps e TV. Mah. E' un po' contraddittorio, però diciamo che copre un po' tutto il segmento.

Regali per lei: mp3 rosa e netbook con brillantini. Beh. Diciamo che lei è un po' ferma alla superficie delle cose.

Regali per pampini rompicazz*: ratón con disegni e dvd player portatile. Può andare.

Regali per la coppia: registratore A/V nascosto in una penna a sfera cicciottella e fotocamera digitale. E qui che mi pare ci sia qualcosa di raro. Perché il registratore spia sarebbe per la coppia?

Meglio non fare ipotesi, ma solo rilevare che è

Troppo bubbo!

Relaxum bubbinus

Già mi ero appuntato di quella macchinetta che ci sono i programmi per stabilire prescientificamente l'età mentale, che poi non si capisce se deve essere alta o bassa per vincere.

E' interessante che siano riusciti a posizionare una consolla di giochi anche su un mercato per adulti (non nel senso di zozzo) ma nel senso di corsi di lingue bubbe, giochi matematici, ecc. Senza perdere, credo, il posizionamento come sparaspara ammazzalitutti.

Ora ho visto che sono usciti anche i programmi per rilassare le bubbe. Non so perchè solo le bubbe però la copertina si rivolge solo alle bubbe. Quindi arriva la bubba isterica, fa partire il programma e si rilassa con la foresta o con l'oceano che sono i colori sullo schermo e i suoni o la musica bubba. Fin qui è tutto odierno.

Ma possibile che i programmi di relax siano "adatti da 3 anni in su"?? Già stressati a 3 anni!

Troppo bubbo!

Dannazio regis flumen

Delle aziede si erano fidate che gli avrebbero dato i soldi se si ricollocavano lontano dai fiumi per evitare di finire alluvianati alle piene.

Poi non gli hanno dato i soldi e ora sono lontano dal fiume ma con l'acqua alla gola.

Mi chiedo se le politiche governative le fa uno per agevolare le batture facili facili.

Troppo bubbo!

Proviamo

Anche "proviamo" è un termine che indica bubbità, un po' come "secondo me". Solo che l'ho studiato meno anche perché è talmente comune in informatica che è difficile categorizzarlo benebene.

1) uso lecito. "Proviamo" perché è qualcosa di mai tentato e non c'è ancora un sistema di dati che permette di valutare le conseguenze del gesto con un ambiente simulato. Ad esempio "proviamo a vedere se un bubbo su marte è contento".

2) uso un po' meno lecito. "Proviamo" perché valutare le conseguenze è troppo complesso/costoso/lento e quindi è meglio provare. Es. "proviamo se con questo medicinale ti passa", nel senso che per prevedere se ti passa o se il medicinale ti fa male bisognerebbe fare tanto di quel lavoro che per un bubbo medio non vale la pena, che al più muore o comuque perde la causa legale. Se fossi un bubbo grosso il "proviamo" sarebbe inutile perché al meglio della tecnologia si saprebbe già se il…

Magnum et obtemperus. Es esto sensum vitae?

Il coma è una di quelle cose che più ti chiedi comè la vita del bubbo, cosa è poi un bubbo se un po' di elettrochimica e ciccia oppure qualcosa di diverso e più bubbo.

Così è bella la notizia che, taglia di qua, cuci di la, sono riusciti a far ripartire una vita che si era interrotta di schianto automobilistico. Spero che questa persona si possa riprendere benebene e che gli anni in coma non siano che una parentesi che dormivi, ma che ora ti svegli, fai una buona colazione evvia a vivere.

Però mi sa che non è così facilefacile. Dicono i medici che questa persona "adesso è in grado di nutrirsi e obbedire agli ordini".

Nutrirsi e obbedire agli ordini. Così è questa la vita?

Troppo bubbo!

Bubb' vetustus lenguae principiorum

Così pare che avevo ragione. Non ci sono dizionari della lingua delle pizze (oramai è dimenticata la minimizzazione del tale cibo) che siano liberi. Già perché, giustamente, chi stampa un dizionario poi ha paura che glielo focopino integralmente e ci mette subito il copyright.

Anni e anni di ministeri della cultura e questo è il risultato. Una lingua sotto copyright, almeno nelle parole più bubbe e dificilli.

Così, ancora una volta, si dimostra che ha ragione il Bubboni a scrivere ma non proprio benebene come tutti i bubbi e comunque senza sapere cosa scrive in latino. Così dalla lingua sotto copyright si passa ad un prodotto artistico creative commons evvia.

Domenica però ho veduto come ha avuto inizio questa secolare evoluzione. Da dove ha partito, per poi evoluzionare nel presente pre-scientifico e bubbo, la lingua bubba?

Ho visto uno spettacolo (bellissimo) basato su testi del secolo 12 che è scritto in lingua vernacula. Sostanzialmente è un miscuglio di:
- tardo latinorum
- lingua dell…

Capire un cazz* - Scegli una nazione, non dirmela...

Mi ero convinto che il più stupido modo di ricerca web era quello che usa una tale banca nella sua home page. Se ricerchi le filiali per CAP compare una simpatica maschera dove introdurre, obbligatoriamente nell'ordine

- la provincia
- la città
- il CAP

Poi ho visto sul sito di supporto di un tale costruttore di apparati di rete la lista dei paesi esotici, rigorosamente in ordine alfabetico che così agevoliamo l'utente eh, e ho capito che quello è il modo bubbo di fare una option list.

Troppo bubbo!

Cameroon
Filippine
Gli Emirati Arabi Uniti - Arabo
Gli Stati Uniti
Il Belgio
Il Brasile
Il Canada - Francese
Il Cile
Il Ghana
Il Giordano - Arabo
Il Giordano - Inglese
Il Kenia
Il Kuwait - Arabo
Il Kuwait - Inglese
Il Libano - Arabo
Il Libano - Inglese
Il Marocco - Arabo
Il Marocco - Inglese
Il Perù
Il Portogallo
Il Qatar - Arabo
Il Qatar - Inglese
I Paesi Bassi
L'Africa Del sud
L'Algeria - Arabo
L'Algeria - Inglese
L'Arabia Saudi - Arabo
L'Arabia Saudi - Inglese
L'Ecuador
L'Egitto - Arab…

Segnali

Da un lato il caso del bubbo che tira ben due scarpe contro un tale che tutti sono contenti di farci le foto o di portarlo a passeggio nel giardino. Uno che nessuno si chiede se è bene farci la foto assieme o riceverlo con buon cibo e bevanda al caramello, come ci piace. Eppoi uno gli tira le scarpe e magari altri sono contenti anche se non lo ha preso.

Dall'altro il fatto che le previsioni di scelta di non voto nel tale paese sono già al 20%, escludendo gli indecisi. Questi sono quelli che hanno già scelto che la democratura è una roba che chiude tutte le strade, che non c'è modo di far arrivare un messaggio con le liste bloccate e le schede prevotate, che non si può sempre votare il contrario di quello che fa troppo schifo perché anche il contrario fa troppo schifo e tutto il ragionamento si inluppa.

Ma non sono questi i segnali che preoccupano uno che rifiuta la logica militare. Il segnale è un estensione bubba di quello della statistica delle banche. C'è una statistica, …

Tantus mundus

Che bello quando il mondo, che sembra sempre più piccolo, poi intuisci che magari è grande!

Mi segno qui un video che ci sono posti che non sarebbe così, perché ci sono luoghi cheppoi sono distinti.

Certo per un bubbo pensare che ci sono luoghi distinti è poco bubbo, ma la meraviglia che ci sono è bubba e quando capita di vederlo melo segno.

Anche bubbo vedere la lista de coche che richiedono un installazione particolare. Tra gli altri c'è "Roll Royce Phantom" che magari a me non veniva in mente di metterla, ma io non mi interesso di questi veicoli bubbi.

Troppo bubbi!

Mobilus intelligenzia et bontate

Appena uno medio esperto sente che un telefonino è brandizzato la prima cosa che si chiede è come rimuovere la spazzatura digitale che ci ha messo l'operatore.

Mai ho sentito dire "chissà che belle applicazioni ci sono, visto che l'operatore si intende di reti e tecnologie avrà sicuramente messo delle belle cose" oppure "oh, così sarà facile usare tutte le meraviglie della tecnologia moderna" ma sempre "come faccio a riformattarlo tutto?".

Cioè dell'operatore non ci si fida, a patto di avere almeno un po' di esperienza. Lo stesso passa con le banche viste dal bubbino. Nessun bubbo dice "oh, che bello vedere come con poca spesa ho tanti servizi" ma chiunque commenta l'estratto conto con "ladri! 1.2 euro per un bonifico! Venisse il famoso architetto a costruirvi un grattacielo che così vi rapina benbene!".

Così mi ha colpito quando nell'infuriare della crisi, quando banche e governi lavoravano la domenica per spostar…

Bubbitatis cantum, gloria bubbus

Mi appunto quanto non mi piace questo modo di vedere il mercato della musica.

Neanche se la musica piratata dalle grosse aziende fosse l'unica che c'è e quel bubbo modello di furto dei contenuti fosse l'unico possibile!

Di questo passo l'unica musica sicura, per me utente, sarà quella che produco io cantando un inno nazionale sotto la doccia. Almeno fino a quando la società (privatizzata) dell'acqua non vorrà un compenso perchè mi fornisce l'accompagnamento...

Anche la mia tranquillità di non essere considerato un ladrone a priori è oggetto di un ragionamento sulla sicurezza. Il drm non se ne occupa?

Troppo bubbo!

Bacillus repugnantiae

La tecnologia antivirus più bubba è scarsa, perché fare un mammuth del passato non è il modo più astuto di capire i mali (e i beni) del presente. Non per niente un concetto così idiota è la base dalla securità gestita (dagli amici su appalto dei) governi bubbi.

Così è normale che qualcuno, compresi gli antivirus, cerchi di andare oltre, oltre agli sviluppatori di virus che sono perennemente proiettati nel futuro.

Ad esempio questo annuncio: "[NOME PRODOTTO] è un palmare costruito con materiale antibatterico che consente un livello superiore di protezione dalla moltiplicazione e diffusione di microbi e batteri".

Troppo bubbo!

Techno poi

E' un po' che non mi appunto sul magico mondo techno e ora appunto.

Volevo appuntarmi del futuro di alcune cose di uso bubbo.

- mail. La mail è una roba sempre stiracchiabile in tutte le direzioni, dal backup alla extranet, dalla pubblicità al lavoro, quindi ha per forza futuro. Inoltre si avvantaggia della crescita dello spazio disco, delle linee veloci, ecc.
Il problema che ha è che i programmi di posta non sono adatti. Nati mille anni fa non hanno ancora capito che c'è tanto spazio e che le mail restano sempre anche sul server. Hanno capito che uno ci ha tanti account ma non che uno ha tanto spazio. Un po' è anche un problema del protocollo che è bello perché consuma poco ma è malo perché non usa nulla del moderno pc, tra cui che i dati possono essere tanti.

- social network. E' la manna del bubbo pennivendolo o euroburosauro perché si può critirare facilmente, anche ragliando sulla securità (è bubbo vedere che chi non dice neppure QUALI dati comunica a nazioni bub…

Gli inizi

Non riesco più a ricordarmi comè iniziato. Una volta non era così ma non ricordo quandè che è cambiato.

Cera un tempo che la posta spiarla sembrava fascista e lo facevano ma senza poi dirlo mai, che le comunicazioni erano un diritto cossuttazionale, che la polizia faceva le indagini ma su uno non su tutti, che uno era dipersè innocente poi magari si provava che era colpevole ma altrimenti era innocente, ecc.

Ora siamo che per il tale reato si chiudono tutti i diritti, che per il tal altro tutti sono presunti colpevoli, che la difesa di un modello di business idiota è prioritario su qualsiasi altro diritto umano, compreso quello di essere lasciati in pace.

Vabbé tutti si è abituati fino al punto di dedicare attenzione a queste bubberie, ma non mi ricordo più comè iniziato.

Troppo bubbo!

Generatore di password portatile, causale, bio

Oh, non credevo che i pampini avessero una funzione così utile nel mondo techno-bubbo contemporaneo! Non avendo sempre pampini sotto mano me lo ha spiegato un amico ma mi sembra utile e melo appunto qui.

Siccome il pampino non pronuncia bene le parole e non conosce tutte le parole usa parole che non si incontrano nel dizionario. Però quello che dice ha un qualche tipo di senso che lo rende pnemonico perché, anche se pampino, è comunque generato da un umano (ciò che dice, non solo il pampino).

Il risultato è che il pampino è un ottimo generatore di password, la cui casualità è garantita dall'avere un cervellino non completamente programmato (dalla pubblicità).

Troppo bubbo!

Rallegrate bubbus

Mi chiede qui tutta contenta che opino della felicità e io, tutto bubbo, rispondo.

Diceva il Bubbo Grasso che "La nota definizione che la felicità del bubbo è un sentimento non mi piace tanto, ma non è del tutto sbagliata." Sentirsi felici è di gran lunga più importante che esserlo, dato che spesso quando lo si è non lo si sa e lo si capisce dopo, quando lo non si sente più.

E' un po' come essere liberi, è qualcosa che si sente indipendentemente dal fatto di essere o meno, oggettivamente, in una delle tante carceri.

Così siccome è un po' un sentimento, le definzioni stanno strette perché se uno non lo prova non lo capisce, come dice il poeta che pure si spiegava abbastanza bene.

Avendo una comprensione limitata e bubba della realtà, è vero che mi risulta più facile essere sempre contento perchè di tutto vedo il bene e il bello.

Così se è vero che essere saggi rende felici ed essere bubbi rende ugualmente felici, chi può essere infelice?

Troppo bubbo!

Opulentus opulentia

C'è poco daffare, non riesco mai a rendermi conto di come ragiona uno ricco, ma tanto ricco.

Una volta mi è capitato di vedere uno (ipotizzo ricco) che ha dato un pacchetto di banconote al ristorante, dicendo al cameriere di contarsi il dovuto da solo. E' un bel sistema, se sei ricco gli altri lavorano per te anche quando tu lavori per loro. Però non sono pratico, quando lascio io 10 cents di mancia, perché devo stupire gli ospiti, ¡il cameriere controlla con la lente se sono autentici!

Ora c'è stata una rapina del secolo, dicono i periodisti. Solo che ogni linea dice che hanno rubato un numero diverso. Si parte dai 50 milioni, 85 sembra sempre credibile perché è meno tondo, ma qualcuno arriva a 100 e, gli esagerati, a 110 milioni.

Ecco l'opulenza: non sai nemmeno se c'erano 50 o 100 milioni di gioiellini!

Troppo bubbo!

Fatevelo da soli: la sicurezza

C'è poco da fare, la dissoluzione dello stato (come concetto, nessuno in particolare), cui ho il privilegio di assistire aggratis, passa attraverso il fai-da-te.

Mi segno un esempio. La scorsa settimana un triste fatto di cronica. Un maltrattatore è uscito dal carcere in permesso con il solito braccialetto GPS. In teoria il GPS dovrebbe eservire perché non si avvicini alla sua vittima, in pratica la giornata è finita con una donna ammazzata, una che si è salvata perché non era in casa e due vicini, che avevano confermato i maltrattamenti in tribunale, feriti.

Tutti a chiedersi se ha fallito il satellite, i campi elettromagnetici, la pila scarica, i bubbi, ecc. La realtà mi pare semplice semplice. Il GPS avrà funzionato ma nessuno ha letto l'allarme, inoltre la prima donna poteva essere ammazzata senza problemi perché l'allarme scattava solo per la seconda.

Così ora c'è una nuova soluzione grazie alla bubbotecnica. L'allarme, oltre che alla centrale, arriva anche alla …

Bubbitatis presentia

Un po' mi stupisce che i pennivendoli di dx "nascondano" che gli indicatori economici sono pessimi. Okkey la questione dell'ottimismo come base del crescimento economico, ma ora che si prospettano due anni di recessione non c'è da agitarsi tanto con questa balla, anche visto che qualcuno tra i disoccupati c'è di sicuro.

Però credo che l'idea che il governo è colpevole, nel bene o nel male, dell'economia dovrebbe essere ottima per i pennivendoli. Invece dovrebbero essere mooolto preoccupati dell'idea che il governo non ne può nulla, ne in bene ne in male e non perché ha scelto di dormire o di aiutare gli amici con discrezione.

Già melo appuntavo ma questo è l'unico punto che spaventa ai politicanti riuniti: il non essere riconosciuti come interlocutori y reyes. E' anche uno dei motivi per cui ai politicanti degli stati minori la rete fastidia moltissimo. Se valgono le leggi messe altrove, se il politicante non ci mettere lo zampino e nessuno …

Mediatibus eloquentia

Mirando a questo post e a mille altri simili rilevavo la bubbità del comportamento dei media fatti da professionisti di grande professionalità.

Non cenè uno che non critichi la nota enciclopedia che non è attendibile, Internet che tutti rubano i preziosi contenuti, i siti bubbi che non tutti ben privati e qualsiasi tecnologia diversa dalla scolpitura della pietra che non è ancora abbastanza stabile.

Epperò non c'è un numero che non usi a piene mani fonti Internet senza citare le fonti al punto che i più professionali fanno che fare autorevoli commentari dei video messi sul noto sito cme se fossero articoli veri, con contenuto informativo diverso da "guardatevi il video e pagate per leggere questo articolo".

Ma non tantovarrebbe dire che si prende sempre più di quello che si mette, che l'intelligenza e la bubbità diffusa è sempre superiore a quella che un gruppo di precari e qualche professionale possono concentrare?

Non è che il professionale non abbia meriti ma non ci …

Contributi culturali

E' bubbo vedere come la cultura informatica ha diffuso alcuni concetti che mai l'umanità aveva conosciuto.

Ad esempio il concetto di backup. Ok, l'idea di mandare due pistoleri c'era già nei western, come quella di avere più pampini era già nota al comienzo della storia del bubbo (umm, forse la scelta però l'aveva fatta la saggia natura e non il bubbo che è bubbo, ma non importa come esempio va bene lo stesso). Tuttavia l'idea che uno falla in proprio e che quindi è meglio avere due possibilità è propria della cultura informatico-binaria (che se così non fosse avrebbe solo 1 oppure 0 e non tutti e due).

Forse mi ero già appuntato di quella fotomodella che aveva dovuto farsi prestare uno straccetto da uno stilista diverso dal previsto perché il precedente vestitino si era rotto. Anche se non è proprio un backup perché comunque la modella era mezzanuda comunque, ma si vede che lo stilista bubbo non aveva pensato di mandare comunque due vestitini, giast-in-cheis.

Com…

Di poco

Nella tale nazione le pre-iscrizioni alla scuola anziché il 30 gennaio inizieranno il 28 febbraio.
Un giorno in più ed il problema della privatizzazione della scuola pubblica era risolto.

Troppo bubbo!

Bubbitatis cura, mortus bubbinis

La questione dell'intervento di una delle tante chiese a favore della carcerazione, tortura e morte richiede qualche appunto bubbo.
Il Bubboni è fin dal comienzo degli appunti a favore di un progressivo superamento del carcere. Crede che il desiderio di vendetta della società non debba essere assecondato a favore di spettacolari interventi di prevenzione e cura del male sociale o, talvolta, neurologico.

Quindi il punto non è dice bene o dice male la tale chiesa ma è: sono abbastanza bubbi?

Un primo punto di bubbità è la qualità dell'ipocrisia. C'è poco da dire, questa volta non ci siamo. E' un po' come chiedersi se il Bubboni è bubbo. Trattandosi di uno dei più autorevoli bubbi la domanda non sottointende "¿è un pochino bubbo?" ma "¿è re dei bubbi?". Analogamente qui parliamo di maestri dell'ipocrisia, gente che ha inventato concetti come la riserva mentale, la povertà... di spirito, la condanna a morte... ma da parte dell'autorità civile, …