Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Marzo, 2011

Esconditio finis

Da quando cè quello dei nani Curì dispersi mi domando quello dei mangiatori di formaggi.

Per via che "necessitavano" di un proprio armamentario nucleare, ma proprio proprio, si riempirono di centrali e di apposite industrie di stato. Quando però inziò quello della centrale, ma proprio subitosubito, iniziarono anche a martellare con offerte di aiuto, spedizione di tecnici, invio di baracche varie e tutto.

E io non capivo. Ma come (opinavo), proprio loro? Perché sono tutti a proporre, a fare, ad agitarsi, ecc. anziché come i nucleari delle pizze o di altre nazioni che minimizzano, nascondono, alterano i dati e cercano di (farci) mettere qualche migliaio di tonnellate di cemento sopra, ma così senza troppo clamore?

E mi domandavo perché i mangiatori di formaggi sembravano più sottolineare quello della centrale che non fare un po' finta di niente.

Oggi mi credo di aver capito:

1) è lontano. Quando gli capita in casa anche loro minimizzano, fanno sparire, alterano i documenti…

Atomic mentis

Quello che meno si capisce delle radiazioni sono gli effetti sul bubbo e sulla bubbità.

Vedevo notizie come queste e uno delle domande sele fa se è poi tutto noto che le radiazioni si capiscono anche quando colpiscono democrature, liberisti e periodisti

- Opinano di congelare delle cellule dei lavoratori della fu-centrale così a mano a mano che si ammalano li curano, o cercano di farlo. La notizia non esplica se li vogliono curare perché non riescono a trovarne altri neppure con le note minaccie, se i nuclearisti che non c'è nessun pericolo e che è tutto finito già da dieci giorni poi non si fanno vedere quando si tratta di andare a prendere un po' d'acqua con il secchiello, se i robot non biologici ma neppure fessi poi fanno come l'altra volta che si erano messi tutti in mutua, o che. Comuque, fino a smentita, questo qualcuno lo opina.

- In una manifestazione dei contro nucleari hanno arrestato uno vestito da orangutan (l'orangutan sarebbe un po' come una scim…

Majorem responsabilitatis in bubbins tergum

Già mi ero appuntato qualche tempo fa quello che dei messaggini colle notizie che poi il telefonino mi chiede se voglio rispondere e io non posso.

"tot morti nella guerra di pace" Rispondere?
"il dis-on. Bubbazzi dice bubberie" Rispondere?
"il calientamento globale fa danni" Rispondere?

Macchè vuoi che risponda con il solo telefonino?

Ora però la confidenza nella tecnologia è ulteriormente evoluzionata. Miravo a quello della centrale che cè il sito che scrivono le finto-notizie mano a mano che le mandano.

Ora dice che "los esfuerzos para controlar la inestable central atómica no están dando los resultados esperados."

E oltre al solito "Rispondere" del telefonino mi dice anche che posso avere "Più opzioni".

Questo di avere più opzioni mi piace, è anche meglio che rispondere e cenera proprio bisogno, ma basterà?

Troppo bubbo!

In portio prave comunications et bubbitatis

E' sempre bubbo vedere come evoluziona quello della campagna dei nucleari delle pizze, un po' perché sono pizzaioli e un po' perché sono nucleari.
Come già mi ero appuntato, mi pare che i grossi sene stanno nascosti, rassegnati ad aspettare di poter tirare fuori quello del torio e altre bubberie a loro congeniali (impianti grossi, grossi soldi, tutto militarizzato, tutti gli altri sono ignoranti e le scorie non sono un problema), ma i piccoli impazzano, ora che cè un po' di radioattività nel medio ambiente.

Come però spesso accade i piccoli si perdono nel piccolo. Così un po' rintuzzano che il plutonio non è vero che è più tossico del tossico ma che uccide per radiazioni (vabbé, faranno causa a chi sbaglia l'epitaffio), un po' che non è vero che la centrale esplode (nel senso che proprioproprio ad essere precisi non è tecnicamente una esplosione, comunque se telo dicono scappa, non stare a questionare), un po' che è tutto risolto quello della centrale d…

Campus selectioni vincit bellum

Uno degli insegnamenti di Sù Tzù riguarda quello del campo di battaglia. Cè poco da fare, se il campo lo sceglie l'altro quello sene avvantaggia fino a vincere.

Fin qui sembra una cosa tutta militarista, ma in realtà ho spesso l'impressione che l'antico nano del pensamento su cui si poggia la grande riflessione bubba non è che parlava proprio solo del campo e delle battaglie con lo spadone. O forse è solo che la bubbità dei moderni supera gli antichi e fa capire cose nuove da vecchie bubberie.

Quale che sia ma cosa si vede spesso. Ad esempio non è che sia sbagliato quello che fanno i governi che tagliano selvaggiamente tutti i servizi pubblici e picchiano i cittadini delle più avanzate democrazie. Non è sbagliato perché se uno crede nel liberismo (= se ha scelto il campo di battaglia del liberismo) è esattamente quello che deve fare. Anzi, se picchiasse meno chi si ribella o se tagliasse in modo meno selvaggio, perderebbe comunque due battaglie al prezzo di una perché il c…

Etatis beneficium

Ero un po' preoccupato per quello dei quadrati. Mi hanno esplicato che per capire se uno da vecchio è malato un bubbo ti fa vedere due quadrati ma uno dentro l'altro, anche se sono quadrati (non so se si capisce). Poi dice al vecchio di copiarli e se uno sbaglia, magari perché i due quadrati sono vicini ma diversamente da quelli che ha fatto il bubbo allora uno è malato.

Non è facile e mi chiedevo se quando tanti bubbi saranno vecchi poi lo fanno più facile, altrimenti non trovano i malati ma solo i bubbi! Magari quello che aveva fatto i quadrati prima aveva usato il compasso o erano stampati e un bubbo non può fare lo stesso anche se non è malato.

Comunque, intanto, è meglio che mi eserciti con quello dei quadrati che poi magari sono vecchio.

Anche se oggi alla palestrina dei fighetti ho sentito una cosa che mi ha rassicurato su quello dei quadrati e dei vecchi. L'insegnante delle biciclettine è più vecchio di me! Allora magari anch'io poi riesco a parlare se non dura…

Chi perde

Devo appuntarmi quello delle elezioni nella città tale. I segnali del sostegno dell'altro giorno sono inequivoci: il sostenuto perde.

C'è da notare che i candidati grossi sono ambi pessimi e ben intenzioni a proseguire l'opera di compromissione del futuro urbano che è stata la principale caratteristica del prossimo ex.

Maqqui non è tanto per lagnarsi quanto per riflessionare sugli assi della campagna (assi inteso come linee, non come persone di valore che non è di questo che si parla).

Il nodo attuale è essere quello che fa. Fa danni? Non importa. Vuole la TAV o il nucleare? Emmbé. Quello che fa si contrappone a quello che non fa, e uno è bene e l'altro è male. Un po' come se una volta si fosse contrapposto un professore universitario e un vecchio politico, e uno era bene e l'altro era male.

Ora quello che io accuso di aver compromesso il futuro, a parte crimini più spiccioli che magari lo pescano, è ritenuto dal popolino uno che fa e ha fatto e che quindi ha d…

Scentia pro bonos bubbis

Mah. Non so se quello di spiegare le cose ai pampini sia una grande idea, ma sono contento che questo video non ha i sottotitoli delle pizze altrimenti i politicanti farebbero poi le leggi parlando così, tanto per farsi capire. Beh, nel suo genere di corsa al peggio sarebbe anche una tappa simpatica.

Troppo bubbo!

Ubis major

Già mi ero appuntato dei miei cartelli con lo scotc che cè scritto "NO ALLA GUERRA" e che sono sempre buoni. E ne ero tutto fiero come un bubbo.

Ora miravo nel periodico che un parlamentario contro alla guerra aveva la cosa che si mette alla giacca che è quello della foto.

Anche io ne ho la casa piena di quei cosi perché vado ai convegni a mangiare e spesso lo danno (lo danno sempre, ma alcuni non si possono riusare e li butto dopomangiato che alle volte controllano)!

Allora adesso ci metto il foglietto con la scritta e magari anche un bubbo piccolo che è ancora più comodo del mio con lo scotc, anche se è più piccolo e si vede meno. Tanto serve sempre e dura una vita! Beh, non una vita di quelli che nelle guerre ci mettono i morti, ma il concetto è chiaro.

Troppo bubbo!

Bellicum titubis

Cè da dire che la retorica bellica è un po' cambiata per questa guerra:

- Niente tentativi di non chiamarla "guerra". Un po' è un segno che non servono, non si pone il problema con la cossuttazione perchè nessuno lo pone, un po' perché la propaganda ha fallito. Le guerre di pace luuuunghe, che pagano tangenti, che li ammazzano lo stesso, che un po' mettono ospedali ma un po' anche uccidono, che si scusano e che buttano un sacco di soldi alla fine non hanno meritato la loro etichetta ufficiale e sono rimaste solo guerre.

- Il pincipio, ben conosciuto già prima della propaganda per le guerre di pace, che le guerre si sa come si inizia ma non come si finisce, è ormai noto. Nessuno parla più di guerra lampo, ci si aspetta il pappone che oscilla tra stato fallito (alta cosa che si sa che è pericolosa) e amici che diventano tutti terroristi. Insomma confusione.

- La questione che non interessa la pace e la felicità dei nativi ma il petrolio e il controllo sulle…

Finis scentia

Mi ero ripromesso di non aggiungere altro nei commentari del nucleare, tanto è tutto praticamente finito, non ci sono pericoli e bisogna solo lavare bene l'insalata, oggi come allora.
Qualche altro pezzo di mondo è diventato inaccessibile, come un campo minato residuo di una guerra ancora in b/n o un quartiere ad alta criminalità che tanto non c'è niente da vedere per un turista, nulla di strano.
Però ho visto questo vecchio album di foto e mi sembrava necessario prenderlo in considerazione. Dopotutto i morti al gigawatt, percarità pochi e forse neanche ci sono, ma rappresentano una faccia dello "sviluppo" che va anche guardata in faccia.


Perquanto bubba.

Agricolus mundi

Mirando a una cosa con il vetro e le api, nel banchetto che vendono il miele che producono tutti contadini:

Quello del Miele: "e quella con il puntino blu è la Regina"
Bubboni: "ahh" (pensando: 1) credevo fosse più grossa, come appare nei disegni per bubbi. In realtà è un 4-5 mm più lunga delle altre, che in pratica è uguale. 2) ehi, non sapevo che la Regina avesse un puntino blu! E' facile da trovare anche se è grossa come le altre!)
QdM: "ovviamente il puntino blu lo mettiamo noi. La Regina vive 5 anni, così si alternano 5 colori decisi a livello mondaile che corrispondono all'anno di nascita. Il blu era il colore dell'anno scorso."
Bub: "ovviamente, ovviamente. Ah, sìsì certo, certo"

Ma come fanno a prenderla e a dipingerla? Nònò, in realtà non voglio saperlo. Ovviamente, certo certo.

Troppo bubbo!

Antiquo arredus

Sono contento di vedere così tante cose del passato, ma come se fossero oggi, che non credevo mai più di vedere proprio io ma solo di leggerle che cerano state mentre con l'astrorazzo ero tutto futuro, con la tuta e pelato.

Oltre alla propaganza nazista, alle conferenze che "lavano l'onta" (letterale, il conferenziere dice proprio le parole "lavano l'onta" ma non per scherzo, proprio come testo della conferenza e dicendole senza fare le facce e la voce da bubbo) e mille altre oggi ho visto una roba che mai mi sarei aspettato.

Accanto ai pomposi portoni delle case istoriche cerano i cosi per le bandiere. Vabbé, è un po' come il leone con l'anello che hai voglia a sbatacchiare: se non usi il cellulare nessuno scende. Mappoi oggi ho visto che ignoti ci avevano davvero infilato una cosa da portare! Ah, memoria del passato! Credo che l'ultima volta che l'hanno infilato era perché passavano gli antichi a cavallo o i soldati ma con lo spadone!

Separation retoricus

Volevo appuntarmi un'altro progresso della propaganda nucleare ma anche la sua triste fine.

1) La propaganda dei nucleari oramai si è stabilizzata sul fatto che "tutto sommato non è successo nulla". Vabbé i reattori vanno raffreddati in modo un po' particolare, vabbé quando sale la pressione devono far uscire un po' di vapore radioattivo, vabbé ma chi ci è morto? Fin qui i nucleari.

2) I politicanti nucleari non vanno confusi con i pseudo-scientifici nucleari. Il politicante non vuole farsi del male con temi esagerati, in perenne fuga dalla precarietà teorica del mandato non vuole sapere se il vento va verso l'oceano o no, se il reattore si raffredda o selo pescano che poi muoiono. No, il politicante non può sopportare quello che per i nucleari (oltre i 6000 km) è solo un giochino. Così un po' finisce quello della propaganda perché non è più di massa e non va per tutti i bubbi.

Troppo bubbo!

¿Ma dove si sono cacciati?

Niente. Non mi posso ancora credere che guardo gli streaming coi caratteri strani ma non li ho visti.
Non mi stupisce che ora mandano un aereo assassino per fare qualche foto ma che si vede bene.

Però i modellini, i disegni, le foto,i satelliti, i blog e tutto ma i nani Curì non li ho più visti da nessuna parte. Credo di essere l'unico che ancora li evocava ma perché non avevo ancora visto che non cerano più.

Boh. Guarderò nella mitica verdura a foglia larga (cheppoi, dopo anni, si era capito che era l'insalata). L'ultima volta che mene ero occupato erano lì.

Troppo bubbo!

Memorie

Miravo qui che "En un refugio de Iwate,la gente va almacenado cualquier álbum de fotos que es encontrado entre los escombros o el lodo.¿La idea? Mantener la memoria de todos aquéllos que vivían o viven en la zona."

Non so, è una idea rara che apre a tanti pensamenti, ma che uno si chiede come ci finisca proprio noi che siamo tutti contemporanei dominatori scientifici delle forze bubbe della natura e non come i rudi antichi che avevano fame, freddo ed erano anche senza luce e acqua e con i bancomat fuori servizio.

Poveri antichi, vivevano in un mondo

Troppo bubbo!

Recensio libris - Matematica in relax

Il libro lo diceva qui e allora ne ho subito comprati due che sono nell'immaginetta. C'è subito da dire che anche questo libro è con le pagine molli e non dovrebbe fare male anche se uno non ha i guanti per non tagliarsi. Da questo si ricava anche che è con i fogli e tutte le bubberie.

Il colore è un po' come quello del mio divano, anche se nella foto sembra un po' diverso, ma è la foto, in realtà è proprio tipo il divano.

Per ora ho guardato quello della prima domanda e ho faticato un po' a capirla, perché avevo quel coso da bambino ma non credevo che fosse matematico ma che avessero provato fino a riuscire. Allora anch'io ho provato perchè ci sono i numeri piccoli e non c'è neppure da togliersi le calze che fa un po' freddo e non volevo.

C'è da dire che ci vuole un pennarello per riuscire, perché uno poi non si ricorda quale dito è lo '0' e difficilmente riesce. Comunque sono riuscito e devo dire che è divertente e bubbo! E' vero che …

Bubbitatis probabilitatis

Mi pare che si possa dichiarare chiusa la fase in cui la comunicazione dei nulceari è "pura". Fino a quando la cosa è la notizia dei titoloni pizzaioli mi aspetto un disordine totale che non permette di cogliere i messaggi gestiti da quelli a casaccio.

Tra le cose bubbe del momento due mi pare risaltino:
1) I danni della divulgazione della pseudo-scienza sono sempre presenti, come l'incapacità di capire e di spiegare il concetto di probabilità, tuttavia credevo che la pratica del software avesse diffuso l'idea che un fenomeno complesso, su cui non puoi (in pratica) avere dati o su cui ne hai troppi, può essere compreso ragionando sui suoi effetti ma dopo che sono successi. Es., dice l'esperto, non posso dirti quale istruzione del codice è una bubberia ma posso dirti che se il programma si blocca quando stampi allora è probabile che se non stampi non vieni qui a seccarmi che si blocca il programma.
Allora non è che non ti dicono perché l'idrogeno è esploso, è …

Tutti a vedere i nani Curì

"Seguiamo la situazione con grande preoccupazione e stiamo valutando la possibilità di inviare una missione europe*".

Sìsìsìsì! Mandate la missione, tutti in missione! Gli esperti! Dove si sono cacciati gli esperti nucleari che solo loro possono parlare? Ma non è c'è un sitio con il sondaggio per aiutare a determinare la composizione della missione?

Se qualcuno è un po' sveglio qui fanno anche il coso che si mandano i messaggini a pagamento e puoi mettere il nome di chi vorresti fosse inviato in giapponi a vedere come va quello del reattore (tanto hanno rassicurato che non c'è pericolo).

Troppo bubbo!

Segnali subatomici

Ohh, bene. La macchina della propaganda è partita, ma direi che i primi segni vanno un po' presi come iniziative individuali e non ancora gestite centralmente.

Meli segno perché poi ho paura che si perdano nel cancan vero e proprio.

Le "idee" forti sembrano essere

1) La centrale era vecchia. Questa non sarebbe male come linea anche se, a differenza del passato, fa immediatamente pensare all'errore umano. Infatti per 20 anni nessuno si era ricordato di schiacciare "Central update" per via cheppoi riavviare è lungo. Ora l'errore umano è poco gestibile, anche se si tratta di un popolo considerato da tutti "fantasioso" al limite del pasticcione e quindi ad altri non capiterebbe di non fare i dovuti update almeno ogni dieci anni.

2) Dopotutto, a fronte di un sisma incredibile, non è successo nulla. Questa è un'ottima linea perché si prepara alla rigiratura di frittata per cui se neanche così succede qualcosa allora è tutto sicuro e bubbo. Ocche…

Signum in tenebris

Niente. Ho mirato ai titolares dei peggiori periodici pizzaioli ma non vedo un po' di comunicazione pre-pensata nucleare. Neppure che la solita litania che la centrale era vecchia, che non l'aveva costruita con cura la mafia, che le verifiche non le facevano moderni neolaureati semianalfabeti pluriraccomandati da illustri padri, ecc. ecc.

Mi pare che i nuclearisti siano ancora lì, con la testa sotto la sabbia in attesa degli eventi da poi contrastare. Sabbia?!? Ma quella non è sabbia! Quelli sono panetti di piombo!

Troppo bubbo!

Salvationi mundi

Tra terremoto, onde gigantesche e fuga radioattiva (1) ci sarebbe da spaventarsi.
Mappoi vedo qui e mi dico, ma che importa se l'asse della terra di sposta e il reattore fa il buco e passa dall'altra parte? Non è questo il centro del mondo ma scimmie e webcam sono, oltre ai bubbi turisti, quelli che rimarranno ben oltre il disastro.

Troppo bubbo!

1) anche io metto le note. blablabla. Da tenere bene d'occhio come la contano: a parte il solito che non cè pericolo e che i 45.000 evacuati gli hanno detto di restare a casa che questo è praticamente fatto con il pilota automatico da un sottostagista che passava dalla tastiera, voglio vedere se cè una propaganda più specifica e nuova, pensata in occasione della campagna pizzaiola in corso. Gli "incidenti" sono continui, mi pare logico che chi pensa la campagna prepari anche le storie per gli incidenti abbastanza grossi da non essere nascosti con la censura standard.

Opinio libris

Vedevo che il buon mau adesso non solo fa le recensioni ma anche scrive sui libri e allora anchio che già ho tanti libri bubbi pluripremiati ai concorsi (sempre ancora da scrivere) voglio fare una recensione. Un po' anche perché anche qui parlavano dei fatti antichi dei nazisti con le foto.

Il fatto è che ho comprato con i soldi un libro che si intitola "Come si diventa nazisti". Due cose che mi credevo non sono vere: 1) non è un manuale pratico del tipo "Come si fa il salame in casa" o "Come si diventa bubbi in due settimane". No, sarebbe che spiegano come un paesino, nel tempo, poi diventavano nazisti. Di più non racconto proprio sulla storia che poi se uno lo legge non si diverte. 2) Avevo paura che siccome è un libro ma di carta poi dovessi legerlo coi guanti spessi per non tagliarmi le ditine con il bordo delle pagine. Invece è di carta molle e così anche se uno è bubbo non si fa male. Ma comunque almeno i guanti di cotone è meglio averli perché …

Antiqui obstaculi

Qualche tempo fa cercavo di capire quello che dice qui ma non è che cisia riuscito bene, che comunque sarebbe che danno i soldi ai bubbi perché facciano delle cose nuove. Lo facevano già ma ora di più. Almeno credo perché se hanno i soldi a un quaranta bubbi e ora ne cercano mille credo che tanto di più, ma non si capisce.

In ogni caso, bubbamente senza controllare se è così ma solo mirando ai libri di cemento credo di sì, mi pare che si vede che ora non è più come la volta scorsa. L'altra volta avevano costruito dei palazzi che, a loro modo, dovevano essere come quelli dei futuri e avevano fatto anche il trenino ma sospeso (boh, con le corde? Chissà) che era anche una cosa che doveva far pensare ai futuri. Questa volta hanno restaurato delle cose antiche (il trenino no, forse si è persa la tecnologia) e cè una mostra sugli antichi principi.

Poi non è che ci cascano che sembrano troppo passatisti nella propaganda ma è che non cè neppure l'idea dei futuri perché le pizze sono s…

Come loro

Oggi mi appunto che sono andato dove si pagano i soldi e mettono i timbri, per pagare i soldi e avere il timbro. In genere vado a quello piccolo che neppure si entra tutti ma oggi sono andato a quello grosso che ci sono i tavoli e anche le sedie (ma ad altezze diverse, altimenti sarebbe pieno di cartelli che non si mangia).

Tre cose sono bubbe:
1) così come nei autobus c'è innanzitutto quelli che non hanno la patente, per varie ragioni, nei cosi che si pagano i soldi ci sono innanzitutto quelli che non hanno l'internet banking, per varie ragioni o che devono pagare cose che non c'è l'internet banking, per varie ragioni abbastanza bubbe.

2) sui tavoli cerano dei foglietti fotocopiati ma male, su carta stropicciata e tagliata a metà ma maluccio. Scritti tutti maiuscoli, che anche senza essere 3l1t3 che gridano, comunque molesta. Comuque guardo cosera e era quello che prestano i soldi. Lo stile era adatto al messaggio e al target mami stupisce che siano li, nella centrale…

Antichi vicini

Mi credevo che quando gli antichi annunciarono che trasferivano gli uffici dalla città gianduiotta a quella della bistecca con l'osso ci furono 10 morti in scontri cittadini. Ma non avevo mai cercato bene la cose e non capivo chi di si scontrava con chi, fermorestando che era chiaro che per gli antichi gianduiotti questo che cambiavano era una perdita che poi non si sono mai ripresi ma che inaugurò quell'abitudine di fare delle cose che poi vengono portate altrove altrimenti non si possono fare grosse o così dicono.

In realtà, pare, i morti furono 55. Una parte erano militari che si ammazzarono tra loro per sbaglio e gli altri della gente che non si stava scontrando affatto ma che era sotto i portici alle 11 di sera aspettando notizie di quello che trasferivano gli uffici.

Non è che abbia cercato tanto, ma anche nella versione per bubbini della storia sembra chiaro che non morirono lottando fieramente nei dilaganti scontri ma per un ordine assassino di sparare su una folla che…

Fide propaganda

Due cose mi chiedevo della propaganda corrente.

1) devo scrivere una lettera indignata a Bubboni. Infatti, nonostante si fosse ripromesso di non farlo, senza darsi conto ha letto qualche pezzo di un articolo di quel bevitore di the che lo traducono sulla buona rivista delle pizze. Il bubbo, già comparso in diversi post della prestigiosa serie "Capire un cazz*" è un poveretto ignorantissimo di qualsiasi legge della termodinamica, principi della fisica, della chimica o della biologia che scrive una rubrica sulla vita etica tutto risparmio delle risorse e ambiente. Uno di quelli che, dall'alto di non aver mai capito nulla che solo sembri scientifico, spiegano che un megamacchinone euro x è molto meglio di una bicicletta euro x-1 fatta con martello e incudine. Il Bubboni ha così letto che il nucleare e gli OGM hanno futuro e che chi non ci piace si deve rassegnare, sempre parlando di vita etica, eh. Ora per gli OGM basta non permettere brevettarli eppoi vediamo quanto intere…

Instrumenta bubbitatis pensamenti

Miravo a che diversi ora opinano quello che le democrazie preferiscono strani amici dittatori, anche se non arrivano a dire che sono liete di vendere armi alle peggiori dittature e sono sempre li a ridicolizzare chi si oppone ad essere colonia culturale ed economica della più terribile democrazia.

Intanto trovo anche bubbo che un tale partito e il suo giornale si sono capiti che il loro compito è raccogliere firme. Avevo ricevuto un po' di mail che dicevano di firmare per qualcosa della TV che li opprimevano. A me mi gustava poco, che se non ci fosse la TV sarebbe tutto meglio e tanto non celho e non mi interessa, ma ho provato a firmare per vedere cosa poi ne comunicavano. E ora ogni tre per due mi mandano le mail che cè da firmare per delle bubberie sempre più bubbe. Io firmo per le cose che liberano i poveri bubbini che spiegano bene e seriamente qui, come al solito, ma non per questo del partito. Questa gentaglia è, adesso, a smatellare la scuola pubblica perchè l'ha detto…