Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Gennaio, 2007

Tecnologie misteriose

Ogni tanto mi chiedo se non lavorando sempre in aziende grosse mi perdo qualche info importante.

Non ho mai avuto quest'impressione però ved agitazione per delle tecnologie che mi sembrano di una bubbità disarmante, al punto che mi chiedo se non le ho capite bene.

Es. il Web 2.0. Ma sarebbe che si mette pubblicità dapertutto e si aspetta di fare i soldi con quattro contenuti malscritti? O che si monetizza dalla relazioni ""umane"", cioè dagli indirizzi mail di semisconosciuti? O che si girano i filmini bubbi con il cellulare e poi si piazzano su un sito in attesa di problemi legali? O che il sito si basa su Ajax o Ruby on Rails? Mah? E' che non mi sembrano grosse innovazioni ma solo "usi" di tecnologie "normali".

Altro esempio il Web Semantico. Le basi sembrano ridicole: "siccome le macchine non capiscono e le ricerche danno risultati scarsi aggiungiamo qualche tag". Bah. Un po' scarsini come obiettivi, no? Una volta si pensav…

Nodi da sciogliere

Come si usa, ad inizio legislatura sono mazzate per i bubbini. Un po' per volta gli articoli della finanziaria sono capiti nella loro bubbità, l'enorme crescita della spesa bellica diviene manifesta, rogne e magagne zampillano da ogni ministero.

Tutto normale, fino a un po' prima delle elezioni è democraticamente così.

Tra i vari bubbini che si lamentano mi ha colpito una mail che gira rivolta al mortadella e contro la cessione di territorio ai 'mericani per metterci armi più o meno nucleari, prigionieri e bubberie.

Il bubbino sostanzialmente dice: "già ci credevamo poco, se continuate così non siamo proprio contenti e magari non vi votiamo più, gnè, gnè, gnè.".

Che bubberia! Nell'anno precedente alle elezioni il principale quotidiano pro-mortadella ha avuto sempre gli articoli politici con il medesimo messaggio: "Faranno schifo, sono riciclati e bubbi, però se non li votate vincono gli altri che sono peggio. Nessuno vi chiede di dire se vi piacciono o m…

Buoni standards

Quest'anno voglio assolutamente dedicarmi anche al pensiero bubbo semplice, cioè quello positivo.
Basta lamentele sulle bubberie del mondo infame, ogni tanto mi appunto delle belle proposte che saranno, al solito, trascurate. Esattamente come i buoni propositi.

Cose da standardizzare
- Un logo che indichi che un cibo è per animali o, meglio, che non è per umani (comunque li si definisca gli animali e gli umani).
- La presenza del fischietto e della lucina nei giubbotti salvagente degli aerei.
- I numeri premium
- I numeri aggratis
- I numeri così così

Sui giubotti salvagente mi chiedo proprio perché non si sia mai provveduto. Tra milioni di procedure errate e messaggi sbagliati perché non tutte le compagnie hanno il giubbotto con il fischietto e la lucina? E i tubicini per il gonfiaggio? Perché qualcuno non li ha e altri ne hanno addirittura due?

Saranno considerati elementi differenzianti? Qualcuno ha mai scelto una compagnia in base al tipo di giubbotti? Ma poi servirà la lucina o no? Bo…

Senza necessità

Ho letto che tra le pizze si parla ancora dei funerali cattolici negati al Sig. P. W.
All'epoca dei fatti ero tra le pizze ma senza flat e quindi non avevo scritto qui i miei augusti appunti. Mo' rimedio.

Nonostante la chiesa cattolica in tempi recenti si sia impegnata ad organizzare megaraduni pomposi e sponsorizzati, molti avranno notato come i funeriali dei papie sono sempre particolarmente umili e modesti. Niente show di potenti e di sedicenti reys, niente faraoniche adunanze, niente parate di militari in divisa e spadino arrosti-pollo.
Solo un grande striscione rosso e bianco appeso sulla facciata della chiesa centrale che dice "Morto un papie se ne fa un altro", a mo' di incoraggiamento per i pochi che assistono.

Analogamente taluni sono stupiti che il natale (festa della nascita) sia praticamente trascurato mentre è esaltata oltremodo la pasqua (festa della risurrezione, dopo la morte).

Eppure è la dottrina dei papie. Così è logico che, cosiderato che il Sig. P…

Varie

Mi appunto un po' di concetti vari, senza aver tempo di farci dei ragionamenti bubbi.

La sicurezza del WiMax

Avevo già visto la stessa scena con il WiFi.

Appena esce (=viene importata) una tecnologia la prima critica è "la sicurezza".
La nuova tecnologia non è sicura! Clamorose falle di sicurezza! E via bubbeggiando.
Viceversa l'UMTS (grazie agli inserzionisti che nutrono i pennivendoli) è dichiarato sicuro.

In un recente film c'è una battuta bubba sui cani che vengono fatti camminare a due zampe per spettacolo. "Ci provano sempre ma non ci riescono mai" dice il bubbo protagonista, liquidando la cosa seccamente. Così sono i pennivendoli, sembra sempre che siano li li per capire... e poi da una frase capisci che non hanno capito nulla.

Così sulla sicurezza non c'è niente da fare, è qualcosa di semplicissimo ma che sembra andare oltre alle capacità mentali del pennivendolo medio (e anche di qualche bubbino).

Il cippino integrato

I brevettatori dell'UMTS e …

Un po' di liberismo!

Le soluzioni win-win sono sempre ambite. Qui tra le tapas è stata trovata una soluzione win-win-win!

Il buon regolatore è intervenuto a favore del bubbino consumatore con un provvedimento esemplare! Basta con l'iniquo arricchimento! Basta con l'arrotondamento assassino!

Ora le telefonate, i parcheggi e gli altri noleggi a tempo devono essere tariffati al secondo o al minuto! Basta con il pagare per servizi che non si usufruiscono!

Così hanno vinto:
1) Il regolatore che è benignamente intervenuto e ha manifestato i suoi bubbi poteri in modo esemplare;
2) Il consumatore che è tutelato, protetto e arricchito dalla massa di millesimi di euro che prima gli venivano sottratti con l'astuzia;
3) Il buon gestore telefonico che prontamente abolisce i piani a scatti e passa ai piani a secondi.

Ovviamente: "Los operadores de móviles suben sus tarifas para cumplir la Ley de Protección de Consumidores"

Troppo bubbo!

Indicatori di bubbità tipografica

Tra i vari indicatori di bubbità tipografica e di incompetenza informatica spiccano:
1) [SPAZIO],[SPAZIO]
2) I maiuscola seminata a metà della frase (derivante dalla correzione automatica di noti programmi di office automation quando sono usati con dizionario inglese ed elevata ignoranza informatica e stilistica dell'utente).
3) [SPAZIO]! oppure [SPAZIO]?

Per un appassionato cultore di TeX i casi 1 e 3 provocano sempre dolori di stomaco, però il caso 2 mi è sempre stato molto utile per riconoscere il bubbico presentatore di tecnologie che non conosce.

Un tragico esempio dell'ultima combinazione, più alcuni errori bubbi in questa frase di un noto sito di blog: "Oggi è stata posta un agrande pietra migliare per la versione di [nome sito] - finalmente le sue funzioni sono complete ! "

Mah, è proprio vero che quando si pensa di aver fatto un buon lavoro... è ora di debuggarlo!

Preoccupazioni SW

Taluni bubbini del SW libero talora sperano che il nuovo sistema operativo a pagamento si venda poco e che milioni di bubbini si liberino e passino a soluzioni informatiche più astute.

La presentazione da parte del grosso produttore di SW a pagamento mi ha fatto pensare ad un problema diverso.

La più parte dei sistemi operativi non sono acquistati in scatola colorata. Questo tipo di acquisti riguarda solo un pugnazzo di appassionati. Gli altri si limitano a comprare un nuovo PC che ha già un sistema operativo a pagamento (occulto) installato.

Così il grosso produttore non mi è sembrato spaventato per le prospettive di vendita del suo sistema operativo. E' tutto sommato un problema di gestione del canale e non di vera e propria conquista del mercato o di fedeltà del consumatore.

Viceversa il povero mi è parso spaventatissimo per le vendite della sua soluzione di office automation (come si diceva nell'antichità). Panico puro per le vendite di un prodotto che ha l'aria di essere…

La potenza bruta

Da qualche tempo avevo l'impressione che le caratteristiche HW di un normale PC fossero ampliamente sufficienti per l'uso del generico bubbino. Forse tolta la fascia più bassa dei processori, tutto il resto andava bene sia con i sistemi operativi a pagamento che con quelli liberi.

Poi ho visto la presentazione dell'ultimo prodotto a pagamento e ho capito! I bubbini già gridavano alle enormi risorse elaborative che una next-release impone, al solito dicendo bubberie. Non era la potenza di CPU che bisognava considerare per capire il prossimo livello di arretratezza e di sviluppo del consumismo informatico!

Oggi si vendono un sacco di notebook che hanno anche la caratteristica di funzionare a batteria. Gli effetti grafici più osceni potranno anche funzionare, la CPU è bastante, ma la batteria permetterà a malapena un effetto UPS.

La tecnologia arretrata è quella delle batterie, non quella delle CPU o delle RAM! Sfortunatamente il desktop libero non è esente dal problema, anche s…

Ecc.

La prima volta che ho letto su un manuale che il prodotto supportava "[carrettata di standards], ecc." ho capito che per il bubbo consumatore era finita.

Fino a quel momento pensavo che per fare una buona scelta fosse necessario leggere il manuale del prodotto reperibile sul sito e che chi non leggeva il manuale si esponeva a tutta una serie di malescelte. Dopo le recensioni dei pennivendoli, i forum e i depliant solo il manuale poteva far chiarezza sulle caratteristiche e le carenze più bubbe e recondite. Nel manuale si vedeva la lista di incompatibilità, la necessità di accessori che non sono mai stati prodotti o importati per realizzare la funzione che mi avrebbe fatto scegliere quel prodotto, l'assenza di funzionalità talmente logiche che solo un bubbo le avrebbe tolte, ecc.

Sintesi dell'irrazionalità delle grosse aziende il manuale palesava la bubbità del fornitore fino alla scelta positiva o negativa.

Ora non è più così. Il manuale, grazie ai soliti bubbi dei foc…

Parole agli schiavi

Anche tra le tapas il mio conto SIM è stato venduto ad un altro operatore. Tradizionale cambio di colore, questa volta dal verde all'arancione, nuova scritta sul terminale quando non occultata dal logo, rename di tutte le tariffe e lavorio di DNS.

Pensavo che il nuovo fosse un operatore abbastanza bubbo invece, ancora una volta, sto verificando come i grossi abbiano una comunicazione gravemente malata e antiquatissima.

Ogni settimana arrivano due buste (ho due SIM) identiche, di carta bianca anti-riciclo, con immagini in quadricromia, 10 pagine di carta da 95 g/mmq per meno parole di quelle che ci sono in questo post e poi due righe in corpo Enron-4pt che annunciano una tariffa oscenamente costosa o vincoli contrattuali degni dei costruttori delle piramidi.

Eppoi ci si chiede perché i giovani operatori virtuali che porpongono 12 eurocents/min verso tutti e tutto ramazzano buoni numeri.

Non sono ancora certo se sono io completamente fuori targhet, e quindi il messaggio è giusto ma non…

Architetto da cinema

18 (dicesi diciotto) orinatoi, affincati su una lunga parete
3 cessi con porta
1 distributore di sapone liquido
2 lavandini
1 (dicesi uno) ascigamani elettrico

Ma come ragiona un architetto progettista di cessi da cinema?

O forse ha ragione? In ogni caso non toccherò ferro di maniglia...

Troppo bubbo!

La fine della pittura

E' molto tempo che ragiono sulla fine della pittura, cercando faticosamente di capire come all'inizio del '900 gli artisti si siano ficcati in un vicolo cieco che in meno di un secolo a portato alla fine di una forma di espressione che sembrava aver percorso tutta la storia dell'umanità.

Il ragionamento è complesso, forse dovrei scrivere un famoso libro di arte per esplicare bene i concetti che qui mi appunto solo nelle loro basi essenziali. Comunque questi passaggi mi hanno permesso di vedere con una chiarezza abbacinante perché ho avuto l'ingrato privilegio di assistere alla fine della pittura, ma anche di intravvedere uno spiraglio per riprendere una magnifica corsa.

Basi:
- l'invenzione della fotografia sconvolse i pittori, la fine dell'arte figurativa fu traumatica.
- l'attenzione si spostò molto sulle tecniche. Sono disgustato dal vedere come i pittori sono incapaci di essere maestri delle tecniche e non schiavi delle stesse. Prima di dipingere dovreb…

Se 30 mesi vi sembran pochi

Dopo trenta mesi di lavoro i parlamentari delle pizze hanno la pensione, dice un noto blog indignandosi e raccogliendo i commenti livorosi ed invidiosi di una marea di bubbini.

E' giusto! I monarchici si sono fatti una legge equa e benefica!
Trenta mesi e poi a casa! Basta! Finito!

I problemi sono solo due:

1) i bubbini si ostinano a lavorare per periodi sempre più lunghi (avidi come sono) ed è male. Con l'età anche il flirtare con le colleghe o i colleghi è fatto male, figuriamoci il lavoro in ambienti sempre più stressanti, competitivi e bubbici. Prendano esempio e favoriscano l'occupazione giovanile e il ricambio generazionale. Basta stare incollati alla sedia, allo stipendio mensile e ai tre pasti al giorno per tutta una vita! Via! Aria, flessibilità e dieta.

2) trenta mesi sono troppi da un lato e pochi dall'altro. In questo tempo si fanno due finanziarie, una al massacro da inizio legislatura per ramazzare i soldi da passare gli amici e una elettorale per avere il vot…

Indignazione

Come anti-militarista sono indignato dalla richiesta di referendum contro il progetto di un deposito di armi nucleari obsolete tra le pizze.

A ragione il mortadella! Che referendum e referendum! Zitti e a lavorare, altrimenti sono botte.
A inizio legislatura si fanno tutte queste ed altre porcate. Fa anche bene a sfottere il precedente governo che non aveva potuto regalare un altro pezzo di territorio solo a causa dell'approssimarsi delle elezioni. Governabilità e continuità. Non c'è bisogno del pelato o del riconteggio perché tanto la politica di guerra non è cambiata.

Se non fossimo in democratura a nessun politico verrebbe mai in mente il succitato ampliamento. Dopo Calipari, Abu Omar, Ustica, il Cermis, Gladio, ecc. i loro missili, in democrazia, li metterebbero su altrove e non tra le pizze.

Per questo il referendum è indegno. Non va fatto un referendum, va solo bloccata la guerra.

Euskadi Terrorismo & Ammazzamenti

Lettera aperta alle Teste di Cazz* dell'ETA

Egregie Teste di Cazz*,

ho aspettato a scrivervi dopo l'assassinio di 2 persone recentemente compiuto un po' perché le notizie estere che arrivano tra le pizze sono rivolte sempre e solo all'italiaco ombelico, un po' perché volevo vedere di persona che fine aveva fatto l'aereoporto.

La mia vecchia teoria bubba ha ritrovato una conferma.
L'ammazzamento basco non può avere termine perché non ha uno scopo.

Se è vero che all'epoca del fascismo spagnolo le autonomie locali erano oppresse, oggi sono talmente esaltate che non c'è più nulla da chiedere o da ottenere. Oggi nella vicina catalogna le lezioni scolastiche dalle elementari all'università sono in catalano (una specie di dialetto ideato da un piemontese che andava in vacanza in liguria e che poi si è trasferito tra le tapas), oggi ci si può rivolgere all'amm.ne pubblica in ""lingua"" locale e si ha diritto ad avere una risposta …

Woi al MAX, noi al min

Mi pare utile sostenere l'iniziativa contro l'asta per licenze Wi-MAX attraverso un googleboombing.
Ho anche letto un interessante e ben scritto articolo su un blog che sostiene esattamente il contrario, cioè che le licenze vanno vendute all'asta e a caro prezzo.
Mi appunto qui gli errori che fanno ambo i commentatori, presentato la bubba verità delle cose.

0) Molte delle attuali teorie economiche sono state messe a punto all'epoca del carbone e della macchina a vapore. Alcune cose vanno ancora bene, ma ogni bubbo commentatore dovrebbe chiedersi *prima* di ventilare le gengive, se ciò che dice ha senso *oggi*. Si parla di Wi-MAX tra le pizze. Non si parla del futuro della pupinizzazione, del teletrasporto o di re giorgio. Solo le leggi del bubbo sono immutabili. Se nel ragionamento salta fuori che il bubbo dovrebbe essere altruista o lungimirante si capisce subito che c'è un grave errore logico.

1) Il governo (questo, un'altro, il prossimo, quello di prima) lavora …

Capire un cazzo - Il Palladium, TCPA, TCG 1.2

Scenario: stessa megaconferenza del post precedente.

Domanda, come prima impropria e mal formulata, del bubbino: "Avevo sentito di un progetto di HARVARD sulla sicurezza, poi forse si è fermato qualche mese fa, ma è supportato da ?"

Risponde il midimega bubbo: "Ora no, ma se è un progetto HARDWARE quando uscirà sarà supportato dal prossimo aggiornamento."

Capire un cazzo - I protocolli di comunicazione

Ieri: megapresentazione dei "nuovi" prodotti di una grossa azienda software.

Speaker: 4 bubbini "tecnici" bravi, preparati, chiari. Esperienza di supporto clienti e di istruttori + 1 midimega bubbo commercialone nazionale.

Scenario: demo di sistema di instant messagging con funzionalità collaborative, ecc. ecc. La demo, viene spiegato da uno dei bubbini tecnici, si svolge con due portatili affiancati sul tavolo collegati tra loro da un cavetto (logicamente un CAT-5e dritto, tanto poi ci pensano le NIC).

Guardano un file, lo modificano, ecc. ecc. Blabla fino allo spazio di domande del pubblico.

Un bubbino, impropriamente, chiede: "Ma l'IM collaborativo è sicuro? Non è che poi qualcuno modifica i file senza essere autorizzato?"

Ironia della sorte l'IM in questione ha delle features di protezione di dati in transito e il sistema potrebbe anche autenticare i peer con certificati e bubberie. Certo, la sicurezza NON è la proprietà di un prodotto, ma nel cas…

Guarda qui!

Prima che la finanziaria fosse legge ho notato che molti leggevano le notizie con uno spirito alla "io speriamo che me la cavo". La domanda non era "come sostengono lo sviluppo?" oppure "chi aiutano quest'anno?" ma più del tipo "chi ammazzano?" oppure "il mio lavoro è già tra i necrologi?".

Analogamente quando sento che il ministro (dal latino servo, ahahaha) vuole intervenire su una struttura tariffaria non posso che essere bubbamente preoccupato. Non per un eccesso di liberismo ma perché, visti i passati interventi pro-pirati SIAE e contro lo sviluppo Internet... se c'è di mezzo un elettrone l'intervento ministeriale può essere bubbissimo (l'eventuale scambio di governo su questi temi è totalmente irrilevante).

C'è una stupida tassa che era era messo da un grosso bubbone ancora in armi che si chiama "tassa governativa". Credevo che potesse attirare l'attenzione del governo... ma il labelling non è ser…

La bubba verità

Un concetto ben noto ma che stide con i limiti della concezione aut-aut occidentale è quello che la verità è bella ma, qualche volta, è falsa.

Le povere filosofie occidentali non concepiscono bene che una cosa possa essere vera e falsa, bella e brutta, giusta e sbagliata allo stesso tempo e questo causa enormi sofferenze e bubberie.
Però tutti sappiamo che le cose non sempre si escludono. Il bambino che dice sempre la verità è subito insultante e ridicolo, anche se la verità è bene. Tutti possiamo vedere che le palline colorate subatomiche quantiche di cui è fatto il mondo bubbo possono trovarsi in due punti dello spazio contemporaneamente, però per il bubbino sembra difficile da credere nonostante si vede anche sul grande schermo.

Il bubbo, ignaro della complessità filosofica delle cose, ognitanto dice il vero mentendo senza porsi il problema.

Situazione: non si riescono a mandare SMS.
1) Provo un invio e il terminale risponde con una bubberia insensata tipo "controllare con il forni…

Per molti ma non per tutti

Lo slogan di un beveraggio alcolico è anche il motto di una importantissima svolta ecclesiologica.

Il papie ha deciso che Cristo non è morto per tutti ma solo per molti e quindi, nel giro di un paio d'anni, aggiusterà le parole della messa cattolica adeguatamente.

Ci mancava anche il papie minimalista greco-ignorante.

Menomale che dà spesso prova di ateismo bubbo e quindi è immune dalla vergogna per aver inventato un simile raccorciamento della salvezza che, tra l'altro, se fosse mai vero rischierebbe di lasciare proprio lui nel numero di quei (tutti meno molti) che finiscono nel calderone. Troppo bubbo!

Tecnologie per il nuovo anno

I termini "nuovo" o "finale" applicati ad un file o ad un progetto sono sempre sbagliati. Le tecnologie digitali sono sempre pronte ad una versione successiva che, auspicabilmente, rimedia alle bubberie della versione precedente.
Tuttavia anche questi termini sono utili. Quando vedo un nome file tipo ProgettoBubbo_finale.doc so prima di aprirlo che il grado di bubberia dell'autore è discreto. Se poi vedo un _finale2.doc non c'è il minimo dubbio: si tratta di un autore bubbo e di un .doc pericoloso.

Così parlare di "nuovo anno" è garanzia di qualcosa che non finisce mai, sempre in attesa di una "nuova", successiva versione.

Comunque visto che è ancora tutto nuovo (ahahah :) mi appunto qualche speranza tecnologica.

1. Diffusione anche tra le pizze di una tecnologia di trasmissione dati wireless "degna". Boh, forse con il WiMax rel. 2 (quello nomadico) ci dovremmo essere. Però gli stessi bubbi che hanno stroncato in WiFi nel medesimo …