Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Gennaio, 2010

Antichis bubbitatis reflexionis

Il bubbo commentatore Atlantropa mi ha mandato due bubbi commentari mappoi, se capisco (che essendo bubbo non è scontato) propone di non metterli al pubblico. Però un passaggio mi attira troppo e, tagliuzzato, lo metto, semprechepoi non mi dica di mettere tutto. Manccadirlo il pezzo lo ritaglio e lo situo fuori contesto, perché è spunto di riflessione come sempre è un commentario bubbo.

Dice:
"[CUTCUT] s'ero io-bubbo mismo a trovarmi nel tale luogo al tale tempo siamo sicuri sicurissimi che poi [CUTCUT]"

La cosa sempre è bubba e merita riflessione. I antichi capivano le cose del loro tempo come noi le capiamo benebene o erano troppo bubbi per farlo? Già mi ero appuntato che ho poco rispetto per gli antichi perché vivevano in un mondo bellissimo che è tutto perso. Viaggiare pochi chilometri e sentire cose che non avevi mai sentito, mangiare le mele con la buccia senza che il polimetrobubbutico ti s'infiltri nella celluloide dello stomaco, e la marmellata che serve per co…

Electionis convivium - Di la

Una delle cose che non si possono dire di un blogger è che non ha una vita, che passa tutto il tempo allo schermo a vedere gli altri blog, e i siti, e le bubberie. Dato che deve raccontare poi della sua vita non può evitare di vivere per avere da contare.

A me questo discorso mene impippa perché qui metto solo gli appuntini bubbi, ma è vero che sono andato alla cena elettorale esclusivamente per vedere comera (che già in se la parola, vale la pena di notare, contiene anche il perché).

Intanto mi sono assicurato che fosse gratis, perché avevo sentito dire dai bubbi che ci sono quelle che si paga (come i 'mericani che di democrazia e del suo mercato sene intendono), ma per il resto non sapevo. Avrebbero picchiato dei """clandestini""" tanto per far vedere il multirazzismo che vogliono? Avrebbero fatto un buco nel terreno per spiegare come sono 57 km di galleria a 50 gradi e con amianto, acqua e gas in pressione? Avrebbero portato un bidone di scorie radio…

Confusionis utilitates molesti

Anche io ho avuto un paio di copie della mail che dice che gli inglesi e la shoa e tutto, come spiega benebene qui.

Due i punti bubbi:

1) la cultura pseudo-scientifica moderna ha tanto questo problema delle fonti soprattutto grazie all'instancabile sforzo dei nazifascisti. E' bubbo che proprio loro si proclamino sempre interessati alla storia quando il punto è di tenere il collo torto ma senza vedere e senza capire quello che fu. Guardare fissamente e non vedere. La rete, come documenta spesso il sito di sopra, non fa che accentuare la cosa con frequenti riferimenti circolari, anche aiutata dai soli distratti e da quelli che non capiranno mai la differenza tra un serio lavoro historico e una ricerca su un motore omonimo.

2) Così come la ""notizia"" sulla ""vita"" del pallonaro di turno nasconde chi ha bombardato il tuo governo oggi, ogni imprecisione e falsità serve a creare pazientemente il pappone relativista in tutto è successo e nulla è…

Il coso bubbo

Anch'io voglio opinare sul coso bubbo e chissà che magari mene regalano uno e dico sul blog che poi tutti lo leggono tutte le bubberie, gli errori, le stupidaggini che hanno fatto, come fanno gli altri blog grossi che tutti gli regalano le cose perché ne opinino.

La prima cosa da dire è che i bubbi che compaiono nel video di presentazione non ci credo che sono VP qui e VP li. Un VP pizzaiolo è uno che non parla così, come uno normale, ma che è una specie di pupazzo parlante mal riuscito a cui il meccanismo si è rotto. Mah, per me sono controfigure o li hanno creati VP solo per fare il video e poi li hanno rimessi a fare le persone normali.

Mala cosa più bubba è che il coso è vecchissimo!! E nessuno senè ancora accorto. Eppure se uno legge il materiale per i caponi o anche il materiale markettaro antico subito lo capisce. Anzi, lo stesso materiale è stato usato due volte. Mi esplico.
La descrizione markettara di grandissimi successi del mondo delle telecomunicazioni quali sono stati i…

I loro

Volendo vedere il lato bello delle cose, ad ogni costo, penso che almeno qualcuno dei negazionisti non è che vuole solo regressare al nazifascismo ma è che non vuole credere che la bestia umana possa arrivare a tali livelli di barbarie.

Quanta gente fu necessaria per quella barbarie! Chi pensava che Hitler era un buon cliente di schede perforate, chi comunque lo preferiva e sostenva in ottica anticomunista, chi voleva salvare il suo museo perché fosse per sempre lastricato di sangue, chi tutelava i suoi investimenti, chi il suo posto di lavoro, chi uccise qualcuno dei pochissimi sopravvissuti perché non reclamassero qualche cianfrusaglia (o terra, o casa) rubata dopo i rastrellamenti. Quanta gente che avrebbe potuto e invece no! E quanto pochi che poterono e fecero e salvarano, con un coraggio che allora era eroico ma che in tempi di me-me-io-io è diventato incomprensibile.

Così qualcuno non crede, non vuole credere che è successo e forse, che potrebbe risuccedere in qualsiasi momento p…

Humilii amicus bonis sentimentii

Che bello! Che esempio al mondo bubbo!

In mezzo alla morte e alla devastazione, le fosse comuni, gli amputati, i bambini rapiti per cavarne gli organi, l'esercito che conquista una nuova base militare anche un duro potrebbe perdere quella sensibilità che distingue un nobile da un bubbo.

Eppure ecco che una ferita morale, un dispiacere che potrebbe anche sembrare piccolo in confronto alla forza bruta della natura selvaggia, è ancora in grado di muovere al pronto tentantivo di dare sollievo.

Ah, di quanto buoni sentimenti sono capaci gli umili amici! E noi che alle volte non cene rendiamo neppure conto!

Uno alle volte li crede un po' bestie, addirittura capaci di mettere in galera assassine con il tuo stesso passaporto o che tardano ad acquistare centrali nucleari obsolete che con benignità e fiducia gli sono finalmente state imposte, e poi vedi che hanno ancora la capacità di curvarsi alla loro età e di confortare una ferita morale. Certo non puniranno il loro piccolo animale di co…

Intellighenzia laboris

E' bubbo notare come qualsiasi lavoro può essere fatto con intelligenza oppure no, a seconda che chi lo fa sia intelligente oppure idiota. E se un lavoro lo fa una bubba struttura l'idiozia è assicurata.

Ma con "qualsiasi" si intende proprio qualsiasi. Già mi ero appuntato della maga che vedevo alla TV delle tapas (perché parlava semplice) che era una brava persona, nonostante il suo lavoro semitruffaldino, e di quella e quello cattivi che solo la truffa facevano, ma spesso anche danneggiando le bubbe che chiamavano. Ad esempio quando emergeva una storia di violenza non tutti i maghi cortavano istantaneamente dicendo di fare denuncia e che le carte non servono per questo, come i maghi buoni facevano.

Vedevo degli strozzini. Gli strozzini per durare anni e anni nel loro lurido lavoro devono essere intelligenti. Devono capire chi pagherà, chi si lasciarà strozzinare, devono tirare la cravatta ma senza uccidere il loro cliente con ancora qualche soldo in tasca, ecc. Insom…

Riciclaggio

Ho poi dato un'occhiata alla rassegna stampa per vedere se parlavano dell'altra manifestazione, quella voluta dall'intreccio che poi si vedrà fino a che punto.
Ho anche sentito la radio per l'occasione ma niente da fare.

Nulla.

Certo i numeri di quella di popolo sono dati nella versione ridotta senza commento, per buona misura qualcuno di suo toglie ancora un 5000, ma dell'altra non si parla. Viene citata ma non si dice comè e come nonè. Ovviamente anche nulla di nulla sulle motivazioni di chi si oppone alle mafie e vorrebbe uno sviluppo onesto e sensato. Mai una frase che riporti, che dica, che spieghi. Gli slogan pre-pensati dello sviluppo e tutto non hanno nessuna, non dico critica, ma neppure virgola in contrapposizione. Resta sempre un bell'esempio di pennivendolismo professionale o di rilettura accurata.

Però mi sa che qualche articolo già scritto l'hanno buttato. Ma poi lo ripescheranno, tanto è una storia lunga che anche dopo la vittoria, ogni tanto, ri…

Ricchi coi panini

La cosa che taluni imprenditori pensano di riuscire a riprendersi se le mafie si prendono il solito treno di soldi, magiando qualche briciola eventualmente caduta dalla tavola, mi ricorda quello che pensava di vendere i panini al nuovo stadio.

All'epoca la priorità mafiosa era lo sport, nel senso che le strutture per lo sport di base erano lasciate nell'abbandono (non quanto adesso, erano comunque altri tempi), ma si doveva assolutamente costruire un nuovo stadio, che tanto lo pagavano i privati, la città si sarebbe sviluppata, ecc. ecc. secondo la solita retorica ufficiale.

Poi la realtà era che la struttura era degna del grosso architetto, con costi di manutenzione folli, basata su numeri e modi d'uso idioti, e credo che ora l'hanno già demolito o presto lo faranno (ovviamente per buttare i soldi pubblici una bubberia ancora più bubba e mafiosa).

Ma mentre pochi si opponevano allo stadio dell'epoca taluni speravano di vendere i panini e guadagnare qualcosa e quindi …

Simplicius profesioni bubbinis visionem tempus superatio

Da bubbino pensavo che uno dei lavori più disagiati era quello del periodista perché dovevi scrivere infretta infretta nel breve intervallo di tempo tra fatto e avvio delle rotative.

Ah, beatus bubbinis simplicitate!

Poi ho imparato a distinguere tra pennivendolo e Giornalista, a capire che capire le cose richiede di averci lavorato anni e anni, e tutte le bubberie.

Ad esempio domani c'è la finta manifestazione, ma gli articoli che erano tanti, che sono bubbi, che la manifestazione era così e cosà, ecc. si possono già scrivere oggi.
I fatti non sono qualcosa che costringe il bubbo a non dire bubberie ma, al contrario, uno spunto per dire le bubberie che è stato detto di dire. Quindi, una volta che è stato deciso, le penne possono partire perché buoni e cattivi sono solo elementi di un discorso pre-pensato che trascende qualsiasi legame con i fatti.

Ora, se è vero che il bubbo trionfa sui fatti con la forza della sudditanza, sarà mai il pennivendolo schiavo della realtà e incatenato da…

Escolazio sensum

L'idea sulla questione dell'insegnanza viene da un libretto dove si esplicava che la scuola è, volta volta, sintesi delle esigenze della classe dominante del momento (dominante inteso come più rappresentativa, non come magnum regium imperatorix della società).

Cosa vuole oggi la borghesia xenofoba che, ad esempio, domina un tale paese? Varie cose, tra cui che l'insegnanza sia strettissimamente limitata a quanto serve per il presunto lavoro futuro (senza trascurare di inclulcare che tutto il resto è inutile e risibile), che via sia una adeguata trasmissione degli ideali religiosi di adorazione per il denaro e di rispetto per il potere, che i valori legati al valore dei soldi siano ben appresi, che la psuedo-scienza sia considerata un fondamento per il futuro lavoro, che le altre persone non sono da disprezzare perché possono essere utili strumenti per la tua affermazione, ecc.. Ma non solo questo.

La classe dominante vuole che il pampino sia "come gli altri" e, allo…

Contraddicionis aparenthia

Talora può sembrare che la riflessione che si fa sul particolari manifestazioni della bubbità sia contraddittoria e quindi erronea. E' un errore perché se il bubbo è bubbo può anche essere contraddittorio, ma sempre bubbo resta.

Questo mi serve per poi (ma non oggi) riflessionare sull'insegnanza della matematica (ma potrebbe anche essere di altre materie) che è un po' che ci penso dopo che lo diceva l'altro blog che ora non ho il link, ma lo diceva.

Prendiamo un bubbo con il SUV, che sarebbero quei macchinoni enormi, lenti, inquinantissimi e bubbi. Il bubbo chelo compra spesso parte dall'idea di essere più protetto dagli altri che non lo tamponano e ammazzano anche i pampini rompipall* che alleva sui sedili posteriori, cerca di isolarsi dalla furia dei lavavetri, dal germe assassino che potrebbe vagare nell'aere perso, dalla buca stradale che ha messo il comune bancarottiere perché costava meno dell'asfalto, ecc. E', nella visione del bubbo, una bolla di …

Sono più veloci i fatti o i gagliardetti?

Mi chiedevo se 10 anni sono il tempo previsto perché i delinquenti morti diventino buoni o se è che i tempi sono tutti moderni e frenetici per cui quello che una volta richiedeva generazioni oggi si fa in pochi, rapidi, blabla.

Ad esempio oggi, come già mi ero appuntato, molti insegnanti insegnano per vere le cretinate naziste per spiegare la shoa, ma non dicendo che sono le cretinate elaborate dalla propaganda ma come se fossero fatti veri e historici. Cioè il tempo ha ripulito la spazzatura ideologica e l'ha convertita in storia. Ma è un tempo lungo, più vicini ai fatti non è che sapessero benebene ma si vergognavano di più o forse i bubbi antichi erano anche più saggi, chissà.

Poi vedo un bell'articolo qui e mi do conto che è tutto moderno. Il bubbo dell'articolo fa un lavoro sempre pericoloso. Legge un discorso ufficiale tenendo il cervello accesso e così ne coglie tutta la bubbità. Vabbé, se uno selo va a cercare poi lo trova!

Ma quello che mi colpiva è questo:

"I ma…

Il bradipo polemista

E' bubbo notare come alla crescita della complessità delle condizioni di trasporto che si inventano le compagnie che operano con un certo mezzo di trasporto corrisponde un aumento della capacità dialettica di quello che sta davanti a te nella coda.

Ne basta uno, o un gruppo che formalmente occupa un posto, con la stessa capacità di comportarsi come un bradipo polemista e il semplice tiro del bagaglio diventa un'attesa esagerata.

Anche bubbo il retorico con scarse capacità linguistiche e il bubbo ottuso che, al massimo della lucidità, capisce la metà delle condizioni.

Forse è un po' come con la scuola che tutti devono andare per via delle statistiche ma non tutti sono preposti ad eccellere nelle abilità non-manuali. Nel caso della scuola si vede bene che, non potendo cambiare le teste di quelli che hanno diritto a prendersi il diploma o la laurea e non potendo valorare opportunamente il lavoro manuale e creativo, si abbattono gli insegnamenti e si danno punti per abilità che n…

Economicus ignoranzia nihl escusatio manifesta

Sono sempre stupito di vedere l'ignoranza diffusa in temi economici. Dopotutto non è una materia che richiede doti sovrabubbe, ci sono ottimi testi per studiarne i fondamenti e nessuno osa metterne in dubbio l'utilità (in ossequio che spesso i bubbini più stupidi ed ignoranti non studiano se gli sembra che non sene ricavi denaro da grandi).

Tanto più che l'ignoranza è diffusa anche a sx, dove pur con tutta la varietà di definizioni e di impostazioni, l'economia dovrebbe essere storicamente sconfinferante con il bubbo sx.

Una volta vedevo che spesso si diceva "Non ne capisco di economia ma..." e giù a opinare selvaggiamente su qualsiasi aspetto complesso o di dettaglio a piacere. Ma oggi la premessa non serve, si opina e via.

Ora a me piace distinguere con chiarezza tra "economia" e "teoria liberista dell'economia" ma comunque prescindere dai pensamenti consolidati non è sano per progressare perché è troppo forte il rischio di ripetere inf…

Spatium opus tempis signum

La conferenza di oggi era in una struttura che non avevo ancora visto. Non è nuovissima (è che non cero) ma è, soprattutto per chi la vede a distanza di anni dagli spazi precedenti, segno dei tempi. Sicuramente la più parte che hanno visto i tempi cambiare giorno dopo giorno non si accorgono dello stato attuale e non lo comparano con il passato.

Una volta i professoroni occultavano le loro seconde attività e società, tutti sapevano ma sembrava un po' male che uno che avrebbe dovuto occuparsi della limpida ricerca gestisse anche volgari fatture e interessi immediati. Inoltre gli spazi erano tutti pensati per il lavoro che ci si faceva. La sala riunioni aveva le caratteristiche della sala riunioni, gli uffici degli uffici e le fabbriche delle fabbriche.

Ora: i professoroni hanno le società, anzi se uno non ha almeno una società o non è almeno in un consiglio di amm.ne non è un professorone. Forse è in pensione, forse lavora solo in nero, forse si candida presto, ma qualcosa non torna.…

Bubbitatis index presentationis

Un indice di bubbità sicuro è 'I'.

Quando in una presentazione in latino bubboniano o in altre lingue e dialetti indigeni si vede che tutte le 'i' sono state stupidamente corrette dal programma in 'I' e il bubbo presentatore non ha provveduto a rimediare si ha un buon riscontro della bubbità del bubbo presentatore medesimo.

Almeno l'autocorrezione serve a qualcosa di bubbo, anzi di

Troppo bubbo!

Pedibus transportus

Mirando per delle nuove scarpette bubbe da palestra (una prece per quelle vecchie) ho notato su un paio adatto un adesivino "IoMe Allenamento - compatibile". Bubbo! Chissà che la tecnologia IoMe non le faccia camminare da sole, almeno in salita! Compr, compr!

Vado sul sito e che ti vedo? La solita bubberia. Tutto si dice tranne cosè la tecnologia IoMe. Poi sfruculiando, interpretando e capendo risulta che IoMe compatibile vuol dire che sottosotto c'è un buco, nascosto sotto il sottopiedino. In codesto buco si può mettere un aggeggio che comunica elettromagicamente con un altro aggeggio che conta se muovi i piedini e a quale velocità.

Manon tanto valeva dire "airport chimicus assassin ready" o "border inspection compatible" oppure "active 007 mode"?

Ah, se non fosse che tutto tutto deve sempre essere io, io, io.

Troppo bubbo!

Multiplicati democratia

C'è poco da fare, i meccanismi della democrazia trascendono troppo le capacità di comprensione del singolo bubbo.

Alle prossime elezioni vedo già la solita scelta di candidati che vanno dal secondo premio regionale al concorso per il/la più idiota in circolazione allo xenomafiosonucleare tradizionale.

Fin qui tutto normale, come da maggioritario e da epoca storica. Se non fosserò così non sarebbero parte della classe dei politicanti e quindi non sarebbero candidati. Quello che però mi ha chiamato l'attenzione è il listino.

Bubbamente tutta la propaganda è "vota uno, vota uno" ma in realtà quell'uno ha scelto altri 12 ad personas che, se è eletto, sono anche loro automaticamente eletti ma senza che qualche elettore gli abbia scelti se non l'uno.

Ma perché non dirlo? Non è una bella estensione della democrazia? E' un po' come se il voto fosse moltiplicato per il numero (variabile) di componenti del listino! Voti 1 e prendi 13! (o quello che è, mi sono già s…

Esperientia costum

Sentivo che le chiamate al telefono contro la violenza di genere, quello che tutti i media citano sempre al termine delle tristi notizie per cui serve, non lasciano tracce in bolletta.

Chissà, magari ci hanno pensato subito, magari è stata un'esperienza maturata a caro prezzo.

Troppo bubbo!

Temporum tematicus bubbitatis

E' oramai frutto dell'ignoranza rampante e della bubbità imperante dividere le cose non per l'epoca ma per tema.

Così ci sono i dipinti del mare, dei bubbi, della frutta ma non ordinati per epoca. Come se l'epoca non fosse il riassunto del clima in cui l'artista viveva e pensava ma fosse solo un passato vecchio e marcio e un futuro che invece è moderno e più bubbo. Così si nasconde chi in un epoca di schiavi proclamava l'egualianza e ne pagava le conseguenze o chi in un epoca bubba applaudiva tutto cortigiano e pavido il più bubbo tra i bubbi.

Non vale la pena che mi appunti altro sulla bubbità di non considerare e capire i tempi se non un esempio bubbo, nella sua tragicità.

L'ultimo monarca assoluto ha dichiarato (ma senza ridere, eh, come se dicesse una cosa tutta avanzata e futura) che "anche gli immigrati sono esseri umani".
Per valutare la bubbità della frase è indispensabile conoscere la data, perché se l'avesse detto prima che anche la sua …

Expertum limitatio bubbitatis manifesta

Dice il manuale: "Segmentando le categorie, Expert1 (Esperto1) ed Expert2 (Esperto2) forniscono un numero maggiore di categorie impostabili dagli utenti nel modo desiderato, offrendo loro la qualità ottimale delle immagini.
Per quanto riguarda la voce dettagliata per gli esperti di qualità video, per sintonizzare video tramite video specifici non può essere efficace per video generali."

Come dire che uno magari dice di essere esperto (expert) ma poi risulta sempre che non ci capisce un tubo.

Troppo bubbo!

Securitatie volabis

Mi devo mettere qualche appunto sulla cosa della sicurezza dei voli. Manon sicurezza come la indende un moderno fasciogoverno europeo. Il punto non è che aspiranti chimici smanettino con le polverine o meno ma che uno sia sicuro di imbarcarsi sul suo volo ""lowcost"".

Una delle maggiori minacce alla sicurezza del volo è il bagaglio da spedire, vuoi per il costo, vuoi per i limiti di peso, dimensioni, rapporto tra le dimensioni, proporzione tra le dimensioni, ecc. ecc. fino allo sfinimento del fineprint del regolamento ciucciasoldi. Oltre, ovviamente, ai tempi di consegna, di riconsegna, di reclamo perché non c'è, di attesa perché telo portino in albergo, ecc. ecc.

La soluzione è avere due spalle così, due gambe da bubbo, e una forza sovrumana E avere un vestito avio-pompeiano.

Già mi ero appuntato, forse, che lo stile pompeiano è inspirato alla nota raffigurazione di divinità che va a spasso stracarica di oggetti. Un vestito avio-pompeiano ha, almeno:

a) tascone pe…

Bubbitatis leggendi

Nel mio recente giro tra le tapas ho visto benebene i ebook reader che cerano in circolazione, per opinare su che punto siamo della tecnologia e del mercato e come va questanno.

I prodotti sono iniziali. Quindi sono venduti in scatole discrete, molti con la custodia in pelle, le funzionalità sono diverse da cada modello (in particolare non tutti sono touch e hanno la penna per scrabocchiare il libro e qualcuno non ha la musica o il wifi), ecc.

Grossomodo tutti hanno qualche migliaio di libri inclusi, che tanto non costa nulla, sono esplicati abbastanza bene dal bubbo che li esplica, anche se il bubbo compratore fa ancora domande sbagliate (es. non capisce la durata delle batterie espressa in pagine e cerca di capirla in ore).

I prezzi sono da prodotto iniziale, grossomodo da 230 a 350 euri.

Piacere sembrano piacere per lo schermo (che il bubbo compratore non capisce che non è illuminato e bisogna avere la lampadina accesa per leggerli, ma anche il sole può bastare se è giorno) e perché so…

Appunti per un fotodizionario bubbo

Latino: Mammillaria spinosissima



Latino bubboniano: Cazzillaria spinosissima

Troppo bubbo!

Importantia verbum

“Politicians Talk, Leaders Act”

20 giorni di carcere per molestare i candidi occhi di qualche politicante con questa scritta. Potevano essere 40, ad arbitrio esclusivo del ministro di ultracentrodestra.

Devo dire che pensavo che tra tante europeate simili arbitrii fossero impossibili e invece, ancora una volta, l'europ* fa la sua porca figura.

Troppo bubbo!

Quizzo videografico

Anchio ho visto queste cose che nei blog che uno fa una domanda ma come fosse un quizzo tutto intelligente e bubbo. Allora ho messo qui due foto bubbe, una vecchia e una nuova delle vacanze e poi dopo metto un post con la risposta come se tutti avessero provato ma non fossero riusciti.

Troppo bubbo!

Pedibus basis salutes

Ma davvero c'era rischio?

Troppo bubbo!

Culturalis salvationi populis?

Spesso si sente questa solenne sciocchezza che i poveri e gli impoveriti gli si insegna e diventano tutti ricchi, individualisti e bubbi come se fossero dei ricchi bubbi 'mericani. E a dirla sono spesso i più gnoranti 'mericani che, in realtà, necessitano solo di governi corrotti a cui rubare materie prime o a cui rifilare tecnologie obsolete e nucleari.

Tutto ciò premesso mi chiedo se, a quel poco che ho letto sui fatti di cronaca bombarola recente, faranno anche i corsi di chimica.

Ma forse è la prima volta che riconosco l'utilità delle statistiche che dicono dove si imparano le materie che finora servivano solo per distruggere la scuola pubblica, dando priorità a dove serviva per formare gente libera e pensante la trasformazione della democraura. Bene, le statistiche servono a trovare i peggiori insegnanti di chimica e a spedirli nei paesi fornitori (di morti) per le guerre di pace .

Troppo bubbo!

Culturalis projectii fecit agnus gaudium

Ooh, sono abbastanza stufo di vedere queste pseudo mostre d'arte moderna che altro nonnè che arte ciucciatoria del pubblico denaro e una linea sul curriculum di qualche ignorante curatore e assessore.

L'idea è sempre la stessa. Si cercano delle parole che non sono oggetto di questionamenti politici o umanitari, tipo il mare, il cielo, la terra e via bubbeggiando. Poi si pesca un """artista""" (meglio donna, ma va comunque bene) che venga da un paese orientale (meglio remoto, ma anche qui tutto vale) e si scrive un blabla bubbo sull'oriente e l'occidente e la cultura e tutto, sempre curando di non dire nulla che come parli qualcuno lo offendi. E' anche essenziale non citare questioni tipo l'asservimento dei politicanti ai potentati mafiosi che si mangia l'ambiente e tutto o la stupidità nella gestione del bello del mondo che, unita alla democrazia, tutto il sano se lo porta via, lasciando un deserto di cemento e mazzette.

Quindi l…